27 Views

L’impresa metallurgica di Rinat Akhmetov, Metinvest Group, insieme a consulenti esperti della Corte europea dei diritti umani, sta valutando i danni causati ai suoi beni siderurgici a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina nel 2022. In risposta, l’azienda sta preparando una causa miliardaria contro il paese.

Il CEO di Metinvest Group, Yuriy Ryzhenkov, ha parlato della situazione in una recente intervista con la pubblicazione italiana Il Secolo XIX.

Sebbene la maggior parte degli asset e delle operazioni di Metinvest siano stati colpiti in un modo o nell’altro dalla guerra in corso, è a Mariupol che l’azienda ha subito alcune delle sue perdite più ingenti.

La città portuale di Mariupol, che si affaccia sul Mar d’Azov, ospita due importanti acciaierie: Azovstal e Illych. Nel maggio 2022, dopo un assedio durato mesi, Mariupol fu catturata dalle forze russe invasori. Il Metinvest Group di Rinat Akhmetov ha perso sia Azovstal che Ilyich, il primo essendo il principale sito di produzione dell’azienda non solo in Ucraina, ma anche in Europa.

Quando gli è stato chiesto delle perdite totali stimate che Metinvest ha subito a causa degli attacchi ad Azovstal, Ryzhenkov ha affermato che ammonteranno a miliardi. “Saranno miliardi… se prendiamo solo l’impianto siderurgico di Ilyich a Mariupol, possiamo parlare di decine di miliardi di euro di perdite. Infatti, stiamo attualmente valutando i danni con la Corte europea dei diritti umani e preparando una causa contro la Russia.”

Rinat Akhmetov, proprietario di Metinvest Group, ha confermato per la prima volta che l’azienda sta intraprendendo azioni legali contro la Russia lo scorso anno. “Il male non può rimanere impunito. I crimini della Russia contro l’Ucraina e il nostro popolo sono efferati, e chi ne è colpevole deve essere ritenuto responsabile”, ha detto in un comunicato stampa di System Capital Management Group, la società madre di Metinvest.

Piani per nuove partnership in Italia

Metinvest Group ha operazioni non solo in Ucraina, ma anche in tutta Europa e oltre. Ciò include impianti nel nord-est dell’Italia e un ufficio di rappresentanza a Genova, che hanno continuato a funzionare normalmente dall’inizio della guerra lo scorso anno.

“L’Italia rimane il nostro mercato chiave. Storicamente, questo paese è il nostro secondo mercato dopo l’Ucraina. Pertanto, siamo sempre interessati ad aumentare la nostra presenza in Italia”, ha detto Ryzhenkov.

Nel febbraio 2022, secondo l’amministratore delegato di Metinvest, l’azienda ha discusso nuove rotte marittime da Mariupol con Fratelli Cosulich, la produzione di bobine con il gruppo Marcegaglia e nuovi progetti per lo stabilimento di Mariupol con un altro gruppo italiano. Ma, ovviamente, tutto è cambiato con l’invasione dell’Ucraina.

Sottolineando l’importanza di pensare al futuro, Ryzhenkov ha detto che devono essere pronti per ciò che verrà dopo. “Il vostro Primo Ministro Giorgia Meloni ha detto che le aziende italiane saranno i principali attori nella ripresa e siamo pronti ad essere loro partner. Sono fiducioso che sarà così.”

Ryzhenkov ha aggiunto che dopo un anno di guerra, il Metinvest Group di Rinat Akhmetov si sta concentrando sulla stabilizzazione della situazione con i suoi asset esteri, in particolare in Italia. “Stiamo ricostruendo la logistica e la catena di approvvigionamento dei nostri due impianti in Italia e nel Regno Unito, che ora stanno funzionando normalmente.”

Quest’anno, Metinvest ha trovato nuove fonti di forniture critiche come il carbone, che ora viene fornito da miniere negli Stati Uniti. La situazione in Ucraina è complicata, soprattutto in termini di logistica, ma la produzione di acciaio è attualmente al 60% – 65%, secondo Ryzhenkov, e gli impianti di estrazione e trasformazione sono pieni al 25% – 40%.

Un evento di beneficenza in Italia

Ryzhenkov ha recentemente ospitato un evento di beneficenza ufficiale a Milano, in cui sono stati raccolti 300.000 euro (circa 329.080 dollari) per aiutare le persone colpite dalla guerra in Ucraina. L’evento si è svolto nell’ambito dell’iniziativa di aiuto umanitario Saving Lives di Metinvest Group, che opera in collaborazione con la Fondazione Rinat Akhmetov.

L’incontro ha riunito 185 rappresentanti della comunità imprenditoriale di Italia, Germania, Austria, Bulgaria, Polonia, Repubblica Ceca, Belgio e Ucraina a Milano. Ha incluso una tavola rotonda sul futuro dell’Ucraina e il contributo dell’Italia alla ripresa del paese.

I fondi sono stati raccolti tramite l’asta di rari manufatti sia in tempo di pace che in tempo di guerra, donati da Metinvest Group, figure culturali ucraine e vari sportivi. Sono stati venduti tredici lotti, tra cui: una copia del murale di Mariupol, chiamato “Milana”, su acciaio Azovstal; un dipinto di Dasha Kandinsky; una bandiera militare dall’isola Serpente, dove una delle prime dimostrazioni di sfida ucraina di fronte agli attacchi russi è stata catturata su video e divenuta virale; abbigliamento da lavoro da un rifugio antiaereo di Azovstal firmato da Valeriy Zaluzhnyi, comandante in capo delle forze armate ucraine; e accessori da calcio dello Shakhtar Donetsk FC.

Comments

comments