23 Views

ATT1La Scuderia Villorba Corse è stata protagonista fino in fondo del Campionato Italiano GT con la Ferrari 458 affidata a Niccolò Schirò e Giovanni Berton. Nella decisiva gara 2 dell’ultimo appuntamento stagionale che si è corsa al Mugello Circuit, l’equipaggio del team trevigiano è scattato dalla prima fila in seconda posizione e il 21enne milanese Schirò ha preso il comando delle operazioni fronteggiando con tenacia ogni tentativo d’assalto della concorrenza. Nel secondo stint di corsa, dopo la sosta ai box, tutto più complicato per Giovanni Berton, impegnato in una complicata serie di doppiaggi, poi una penalità di 10 secondi inflitta all’equipaggio per un sorpasso in regime di bandiere gialle ha retrocesso il veneziano dal secondo al nono posto e fermato ogni ambizione per la squadra, che per l’intera stagione è rimasta sotto i riflettori del Tricolore, sempre nelle posizioni di vertice e in lotta per il titolo.

Il team principal Raimondo Amadio commenta: “La squadra ha lottato fino in fondo. Ci siamo confermati protagonisti dell’intera stagione. Un epilogo più fortunato ci avrebbe senz’altro appagato maggiormente, comunque non abbiamo nulla da recriminare e possiamo già guardare positivamente al futuro”.

desideri_mugello1Se l’amarezza è grande in casa Villorba, sorride, invece, dopo la gara toscana, Matteo Desideri che si è confermato al Mugello grande protagonista nel Campionato Italiano Gran Turismo. Il pilota del team Antonelli Motorsport ha disputato sul tracciato toscano un’altra prova eccellente, che gli ha consentito di conquistare il secondo posto in Gara 1 nella GT Cup. Una bella dimostrazione di solidità da parte del pilota della scuderia bolognese, il quale dopo il positivo debutto effettuato nella prova di Misano (con tanto di terzo posto agguantato nella prima manche) ha messo nuovamente in luce il proprio talento sull’impegnativo tracciato toscano, regalando al team diretto da Marco Antonelli una nuova soddisfazione per chiudere nel migliore dei modi l’annata agonistica.

Già a partire dalle qualifiche, disputatesi su un asfalto reso insidioso dalla pioggia, Desideri si era inserito nel gruppo di testa della propria categoria, portando la sua Porsche 997 Cup in quarta posizione. Dopo un eccellente spunto al via di Gara 1, il driver del team Antonelli Motorsport riusciva rapidamente a portarsi al comando in GT Cup, mantenendo autorevolmente la testa per buona parte della distanza prevista, prima di dover cedere nel finale al ritorno della potente Lamborghini di Zanardini-Perel e concludere con una comunque eccellente piazza d’onore sotto la bandiera a scacchi. Meno fortunata era invece Gara 2, nel corso della quale Desideri (dopo essere scattato con il terzo tempo) era costretto ad arrendersi dopo sole nove tornate.

Si tratta comunque di un bilancio estremamente positivo, quello che ha visto come protagonista il giovane pilota del team Antonelli Motorsport nelle due tappe conclusive del GT Italiano, in attesa di poter pianificare una nuova stagione agonistica ricca di nuovi e ambiziosi traguardi per la scuderia bolognese.

CITE-Mugello-palazzo_zaninGrande soddisfazione anche per Walter Palazzo, il pilota della Sport Made in Italy impegnato al Mugello nell’ultimo round stagionale del Campionato Italiano Turismo Endurance. Al volante della BMW M3 E46, il pilota della scuderia romana si è infatti imposto in entrambe le manche nella classifica di Prima Divisione, riuscendo grazie anche al prezioso supporto del compagno Massimo Zanin a salire sul podio di entrambe le gare anche nella classifica assoluta, dove ha colto un terzo ed un secondo posto.
Grande soddisfazione per il veloce pilota della Sport Made in Italy, il quale ha dichiarato a fine gara: “E’ stato un modo eccellente per terminare il campionato. Da subito mi sono trovato a mio agio con questo circuito, riuscendo a sfruttare nel migliore dei modi il potenziale della mia M3, grazie anche all’ottimo lavoro svolto dal team. Una volta trovato il set-up ideale, tutto è andato nel migliore dei modi anche in gara, dove siamo riusciti ad ottenere un risultato che ci rende orgogliosi. Devo dire di essermi trovato molto bene anche con il mio nuovo compagno di squadra, un pilota molto veloce con il quale è stato subito facile lavorare ed entrare in sintonia”. Questo risultato ha consentito a Palazzo di classificarsi al nono posto assoluto in classifica con 87 punti, nonostante la sua stagione nella serie tricolore sia iniziata soltanto in coincidenza del terz’ultimo appuntamento stagionale svoltosi a Vallelunga: “Sono molto soddisfatto di questo scorcio di campionato – ha sottolineato – e devo dire che, a parte qualche piccolo problema di motore a Misano, per il resto la vettura è stata perfetta”.

Maestri_MonzaMa al Mugello si è chiusa anche la stagione dei campionati monomarca Seat con a scuderia Sport Made in Italy che si è presentata all’appuntamento con Stefano Maestri impegnato in Leon Cup e Alberto Rodio chiamato a difendere i colori della scuderia romana nella Ibiza Cup. La stagione si è conclusa con dei riscontri indubbiamente positivi, con un quinto posto per entrambi i piloti quale miglior risultato che non ha fatto altro che confermare la loro competitività nei rispettivi campionati.

Stefano Maestri ha messo ancora una volta a frutto tutta la propria esperienza, conquistando dapprima un buon sesto posto in griglia con il tempo di 1’59”003 e successivamente rendendosi protagonista di una Gara 1 regolare e priva di errori, che lo ha visto concludere in quinta posizione assoluta e a ridosso degli avversari piazzatisi in zona podio. Il romano ha anche conquistato la graduatoria riservata ai Senior, concludendo al sesto posto assoluto in classifica con 54 punti pur avendo ceduto il volante della propria vettura in diverse prove del campionato al compagno Matteo Manzo.

Rodio_MonzaAltrettanto positivo è stato il week-end di Alberto Rodio, impegnato nella Seat Ibiza Cup dopo una stagione vissuta tra i principali protagonisti. Il pilota della scuderia romana ha realizzato un eccellente quarto tempo in qualifica con il crono di 2’11”301, disputando una buona Gara 1 che lo ha visto concludere al quinto posto sotto la bandiera a scacchi, a soli 6” dal vincitore. Nella seconda prova, Rodio ha infine concluso al settimo posto: un risultato che gli è valso la conquista del medesimo piazzamento nella classifica piloti con 70 punti.

Una stagione vissuta sempre al limite, quella della Sport Made in Italy nei monomarca Seat: in attesa di potersi presto cimentare in nuove ed emozionanti sfide.

Comments

comments