37 Views

Ignazio Zullo, consigliere regionale del PDL in Puglia, entra nella polemica che vede coinvolto il presidente Vendola e altri rappresentanti delle Istituzioni locali, per il canto di “Bella Ciao” durante la celebre “La Notte della Taranta” che sabato scorso ha richiamato 80.000 spettatori provenienti da tutta Italia e dall’estero, a Melpignano (Lecce).

Ecco le parole di Zullo:

“Non mi dà fastidio l’apprendere che Vendola ha cantato Bella Ciao alla notte della Taranta, tanto la cantiamo tutti.

Intravedo in ciò che è successo nella notte della Taranta un rischio molto grave per le Istituzioni e la politica e cioè l’appropriazione indebita ed egemone da parte di Vendola di tutti i palcoscenici eretti anche con i finanziamenti regionali per poter fare campagna elettorale per le primarie e per le politiche.

Questo non sarebbe eticamente e legalmente corretto perché i finanziamenti derivano da fondi pubblici e non dalle tasche di Vendola.

Vendola non può utilizzare la carica, l’Istituzione, le auto blu con la scorta per il proprio carrierismo politico. Se è lecito per Vendola, lo deve essere per tutti.

Da tempo, come fa il quotidiano La Repubblica con Formigoni, pongo senza ottenere risposta non dieci ma una sola domanda a Vendola: “con quali soldi finanzi l’MPS, le Fabbriche di Niki, le primarie regionali e le primarie politiche?”

Spero che Vendola non continui a minacciarmi di querela e che una buona volta mi risponda”.

Comments

comments