Lo streaming è una delle tecnologie che negli ultimi anni ha più contribuito a modificare e migliorare l’impatto delle piattaforme online per gli utenti di tutto il mondo. Ma quali sono le sue caratteristiche principali e quali sono gli usi che se ne possono fare? Ecco un breve guida a tutti i tipi di piattaforme online che utilizzano lo streaming e quali sono le sue tipologie principali.

Fonte: Unsplash.com

Le migliori piattaforme che utilizzano lo streaming

Avere a che fare con la tecnologia dello streaming significa poter trasmettere dati di qualsiasi genere in tempo reale a chiunque li richieda o sia connesso a determinate piattaforme. Per questo motivo lo streaming è alla base dei servizi di alcune delle piattaforme più conosciute e popolari al momento, come ad esempio Netflix e Amazon Prime Video, destinate alla riproduzione di contenuti video come film, serie TV, documentari e trasmissioni televisive, ma anche Spotify e Deezer, dedicate alla trasmissione di brani musicali, podcast e altri tipi di file audio, sia da computer che tramite applicazioni per smartphone e tablet. Anche il settore dell’intrattenimento, per quanto riguarda i casinò digitali, fa un ampio uso di streaming: infatti oltre a ospitare le slot online più recenti e aggiornate come “Book of Darkness” e “London Hunter”, i casinò mettono a disposizione degli utenti anche sezioni apposite dedicate a giochi live, per giocare in diretta insieme a croupier specializzati a tutti i giochi da casinò “classici” come roulette, blackack, poker o baccarat. Infine, sono molte anche le piattaforme che fanno uso di streaming in diretta destinate alla riproduzione di file audio: è il caso delle radio online come Rai Radio, in grado di offrire ai propri ascoltatori un palinsesto fruibile tramite dispositivi mobili in maniera semplice e intuitiva.

Tipologie di streaming e vantaggi per gli utenti

Quando si parla di streaming, perciò, si ha a che fare con una tecnologia indispensabile per un numero di piattaforme sempre maggiore. In cosa consiste esattamente e quali sono i suoi vantaggi? Tanto per cominciare il punto di forza dello streaming è il suo funzionamento: consente infatti di trasferire dati in tempo reale da una sorgente ai dispositivi a essa collegati tramite, appunto, un’ottima connessione internet che consenta la trasmissione in maniera stabile di un numero imponente di dati. Lo streaming si divide in due categorie principali: lo streaming in diretta, oppure live streaming o streaming dal vivo, e lo streaming on demand o su richiesta. Il primo, come già anticipato, è lo streaming che caratterizza le piattaforme che offrono contenuti in diretta sia da ascoltare o guardare, come brani musicali e programmi televisivi, che contenuti con i quali interagire come nel caso dei casinò online. Lo streaming su richiesta, invece, è quello sfruttato dalle piattaforme di riproduzione di contenuti già conclusi nel tempo, che mettono perciò disposizione dei propri utenti cataloghi molto forniti dai quali selezionare i titoli desiderati e riprodurli a proprio piacimento tramite i propri dispositivi connessi, dagli smartphone e i tablet agli ultimi modelli di Smart TV.

Fonte: Unsplash.com

Che se ne usufruisca tramite smartphone o in maniera più “tradizionale” attraverso computer, perciò, lo streaming è in ogni caso una tecnologia innovativa e la sua versatilità gli permette di essere adottato da piattaforme di qualsiasi genere, in modo da soddisfare tutte le esigenze degli utenti.

Comments

comments