17 Views

E’ una vittoria di elevato spessore, quella conquistata da Rudy Michelini sulle strade della Coppa Città di Lucca, appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona e per il Trofeo Rally Toscano andato in scena nell’intera giornata di sabato e mandato in archivio nella spettacolare cornice delle mura cittadine, location che ha caratterizzato l’arrivo della gara. Al volante della Skoda Fabia R5 messa a disposizione dal team P.A. Racing ed affiancato “alle note”, per la prima volta, da Luca Spinetti, il portacolori della scuderia Movisport si è reso protagonista di un avvio deciso, portando il proprio vantaggio a ventidue secondi sul primo inseguitore già dopo due prove speciali. Un margine, quello espresso dal pilota locale nelle fasi iniziali di gara, che gli ha permesso di gestire nel migliore dei modi il prosieguo del confronto, ovviando ad un problema legato al setup della vettura che ne ha appesantito la performance nella seconda ripetizione di “Pizzorne”. Per Rudy Michelini, la vittoria alla Coppa Città di Lucca è valsa la nona firma nell’albo d’oro della manifestazione, cementando ulteriormente lo status di recordman sulle strade dell’appuntamento toscano, uno dei più blasonati nel contesto regionale.

“Una grande soddisfazione vincere in questo contesto, con un fondo che ha costretto tutti gli equipaggi agli straordinari – il commento di Rudy Michelini a fine gara – le condizioni atmosferiche ci hanno proposto chilometri altamente selettivi dove la presenza di foglie e, talvolta, la scarsa visibilità legata alla nebbia, si sono rivelate un banco di prova decisamente impegnativo. Una situazione di difficoltà che ha elevato ulteriormente il tasso tecnico della gara, rendendo ancora più piacevole l’arrivo sulle mura. Tengo a ringraziare Luca Spinetti per il supporto espresso e tutto il team. L’obiettivo, adesso, è rivolto all’edizione 2020, puntato su quella che sarebbe la mia decima vittoria sull’asfalto di casa”.

Soddisfatto anche un altro degli attesi protagonisti della gara toscana, Luca Panzani che sotto la bandiera a scacchi ha firmato la quinta posizione assoluta, primo tra le due ruote motrici e primo anche nel Trofeo Renault Clio di zona.

Con la Clio R3C di Pavel Group Luca Panzani, insieme a Federico Grilli, è stato tra gli attori da prima scena della 54^ Coppa Città di Lucca. Davanti al pubblico amico, per il portacolori di Jolly Racing Team è stata davvero l’apoteosi, suggellata poi dall’averla affrontata in condizioni atmosferiche spasso proibitive, che hanno comunque esaltato le doti di guida, di tattica e di capacità dell’intero equipaggio e della squadra.

La vettura era stata finita di allestire alla vigilia della gara secondo le indicazioni date da Panzani ed anzi, l’intera settimana precedente l’impegno lui stesso ha lavorato insieme ai meccanici per predisporla secondo le esigenze richieste per affrontare una gara molto tecnica come quella di Lucca. Un impegno forte, anche carico di passione che ha permesso di centrare il secondo successo nel monomarca francese dopo l’esordio vincente al Rally Abeti lo scorso giugno, un nuovo ed importante tassello del puzzle che lo dovrà portare alla finale della Coppa Italia a Como, puntando alla vittoria nel trofeo Renault.

 Nella classifica provvisoria del monomarca francese, dopo questa seconda gara di Lucca, Panzani e Grilli sono al secondo posto con 67,3 punti, dodici in meno del leader Fanucchi, che ha all’attivo una gara in più, quella del Ciocco a marzo scorso.

INTERVENTO DI LUCA PANZANI:“Una gara bellissima, le condizioni meteo hanno fatto di tutto per darci contro, ma abbiamo saputo lottare sino all’ultimo con calma, con tranquillità, senza cercare sfide inutili e pericoloso, guardando esclusivamente al monomarca Renault, dove non mancano di certo gli avversari, assecondati da una vettura perfetta. Ringrazio Pavel Group, i fratelli Lenzi, tutti i meccanici della squadra per avermi dato in mano una Clio perfetta, per tutta la settimana prima della gara l’abbiamo allestita senza lasciare nulla al caso, devo dire che sono davvero soddisfatto di quello che in sole due gare si è creato non solo come risultati ma anche come rapporti umani, che credo sia la cosa più importante. Ringrazio anche la Jolly Racing Team, per aver creduto in questo programma sportivo, che spero possa dare anche a loro soddisfazione. Adesso non dormiamo certo sugli allori, pensiamo già al prossimo impegno di Pistoia, che deve essere la rampa di lancio per accedere alla finale di Como”.

Delusione, invece, in casa Lucchesi (nella foto a destra concessa da Simonelli). Gabriele e Christopher, padre e figlio erano attesi protagonisti ma allo sventolare della bandiera a scacchi, sabato sera al “caffè delle Mura”, c’era solo uno dei due, il padre, giunto undicesimo assoluto, primo di classe, insieme a Pietro Checchi, sulla Renault Clio s1600 della MaremmaCorse. Una gara avversata dal maltempo, finita subito invece per Christopher, neo portacolori della Project Team che all’immediata vigilia dell’evento aveva dovuto cambiare copilota (Alessia Bertagna in sostituzione di David Castiglioni, indisponibile per un lutto in famiglia). Salito per la seconda volta sulla Peugeot 208 R2 della lombarda GF Racing, il 20enne di Bagni di Lucca ha alzato bandiera bianca al termine della prima prova delle Pizzorne, per una “toccata” con la quale ha danneggiato irrimediabilmente il ponte posteriore.

La gara, per tre quarti del suo svolgimento, aveva detto bene invece a Gabriele (vincitore per tre volte della gara casalinga, l’ultima nel 2016), che nonostante la “ruggine” ed il dover riprendere gli equilibri alla guida della Clio s1600, aveva saputo insediarsi al sesto posto, con un gap dalle vetture a trazione integrale non troppo ampio, conferma dell’essere sempre e comunque pilota di vertice nonostante l’attività oramai ridotta al minimo, per dare spazio al figlio e favorirne la crescita. Purtroppo, quello che poteva essere un risultato di spessore è stato vanificato da problemi al leveraggio cambio, che lo hanno pesantemente rallentato nel giro finale di prove.

Comments

comments