58 Views

La distribuzione di Top Gun: Maverick, sequel della praticamente omonima pellicola del 1986, è stata accolta con grande entusiasmo dal pubblico di tutto il mondo. L’ultima fatica di Tom Cruise ha infatti incassato cifre invidiabili ai botteghini. Una parte di questo merito spetta anche a quella storia che oltre trentacinque anni fa ha fatto innamorare generazioni di spettatori a quella che è divenuta una pietra miliare nella storia del cinema e si è tramutata in parte integrante della cultura popolare. Le scene di azione, i combattimenti aerei, le continue scariche di adrenalina unite a interpretazioni di alto livello e a una trama ben ritmata e mai noiosa, hanno reso Top Gun un must per ogni appassionato cinefilo.

L’arrivo sul grande schermo del seguito è un’ottima occasione per immergersi nuovamente in quelle atmosfere, per rivivere quelle stesse emozioni e per rivedere quelle scene che sono entrate prepotentemente nell’immaginario collettivo. Tra tutte basti pensare alla nota sequenza dei due protagonisti in moto, emblema di tutto il film.

La regia di Anthony Scott (L’Ultimo Boy Scout, Berverly Hills Cop II, Man of Fire – Il Fuoco della Vendetta), fratello del noto Ridley, è stata capace di esaltare ancora di più le qualità di un cast di primo piano. Protagonista assoluto Tom Cruise (la saga di Mission: Impossible, La Guerra dei Mondi, Codice d’Onore), al cui fianco svettavano nomi del calibro di Kelly McGillis (Witness – Il Testimone, Nessuno può Sentirti, Labirinto Mortale), di Anthony Edwards (Zodiac, Il Cliente, E.R. – Medici in Prima Linea), di Val Kilmer (Pianeta Rosso, Wyatt Earp – La Leggenda, Batman Forever) e di Tom Skerritt (L’Ultima Alba, Ted, La Recluta).

La vicenda si incentra sulla figura di Maverick, un giovane pilota di caccia che viene inviato alla prestigiosa Top Gun, una scuola elitaria che forma i migliori assi dell’aviazione militare statunitense. Qui ciascuno è chiamato a dare il meglio di sé, a conoscere perfettamente le proprie capacità, di affinarle al massimo e di imparare quali siano i limiti del proprio velivolo, così da poterlo spingere al massimo all’occorrenza ed essere in grado di affrontare la controparte sovietica in uno scontro aereo. Tra moltissima azione e scene mozzafiato a bordo dei caccia, c’è spazio anche per la tragedia e per approfondire al meglio la figura dei personaggi, in particolare quella dei piloti, uomini sempre in competizione tra loro, impertinenti ma anche consci dei rischi che corrono.

La nuova edizione che la Paramount Pictures propone sul mercato dell’home video attraverso la distribuzione di Koch Media, è quella di un prodotto offerto in un cofanetto con due dischi: il primo contenente la pellicola in versione 4K ultra hd, l’altro invece con il blu-ray. Una nota di merito spetta al reparto audio: la traccia inglese si presenta con un Dolby Atmos, mentre quelle italiana, francese, spagnola, portoghese e russa sono in 5.1 Surround, differentemente dalla giapponese disponibile in 2.0 Mono. Ma il vero punto di forza sono i contenuti speciali, ricchi e abbondanti. Oltre a uno speciale sull’eredità lasciata dal film di Top Gun, è possibile vedere le sei parti del making of, il videoclip, le interviste a Tom Cruise, scoprire la vera Top Gun, spiare il dietro le quinte e tante altre chicche che rendono questa edizione molto ghiotta per qualunque appassionato. Ulteriore omaggio la presenza di uno sticker adesivo e di un piccolo poster.

Titolo: Top Gun

Distribuzione: Koch Media

Comments

comments