245 Views

Si è conclusa il 7 Aprile la mostra dedicata a Tim Burton che ha animato ulteriormente negli ultimi mesi la città di Torino portando appassionati da tutta Italia e non solo.

Un artista eccentrico e veramente unico, la sua visione a livello cinematografico e nel mondo dell’animazione ha lasciato il segno e continua ad imprimersi anche con i suoi nuovi progetti. Tim Burton è un’icona vivente e come tutte le icone che si rispettino ha bisogno del suo luogo di “culto” che per questi mesi in Italia è stata la città di Torino e il museo del cinema nello specifico.

Ho avuto modo di visitarla il 2 Aprile a pochi giorni dalla sua fine e devo dire che è stata una mostra ben oltre le mie aspettative, una mostra che ha saputo letteralmente abbracciare tutto il museo del cinema, dove la visita della mostra si alternava in modo sapiente alle parti permanenti del museo lasciando così al visitatore moltissimi spunti e argomenti.

Locandine, bozzetti dei personaggi, modellini, memorabilia, ricostruzioni e molto altro, disseminate su vari livelli che stordiscono e lasciano strabiliati allo stesso tempo.

L’ingresso è un enorme mostro che ci fagocita al suo interno facendoci entrare nella “mente” dell’artista, perché chiamarlo semplicemente un regista è veramente riduttivo … Comunque, una volta oltrepassato l’ingresso ci ritroviamo avvolti da locandine e poster cinematografici disposti in ordine di opera, una parte dedicata a Batman, un’altra alla fabbrica di cioccolato e così via …

Segue la mostra dei disegni, anche questi divisi per progetti e area tematica, dagli esordi di Burton fino alla serie di mercoledì e ai lavori incompiuti che magari un giorno riusciremo a veder prender corpo e viva propria … Molti modellini e tanti schermi che mostrano spezzoni iconici dei film di Tim Burton con le relative musiche che per la maggior parte sono state realizzate da Danny Elfman.

Da dicembre comunque arriverà a Milano il labirinto di Tim Burton … sarà come la mostra o ci offrirà nuove e altre suggestioni? Staremo a vedere …

Intanto eccovi il video reportage: https://youtu.be/DLl1CpMUwhc

Messua Mazzetto

Comments

comments