40 Views

Dopo quasi tre settimane lontano dai circuiti, Alessio Rovera si ripresenta in pista per un nuovo appuntamento del GT World Challenge Europe al volante della Ferrari 296 GT3. All’orizzonte c’è l’impegno sul tecnico tracciato del Nurburgring nella configurazione attuale da Gran Premio, che il 28enne pilota varesino ufficiale del Cavallino già conosce, ma sulla quale sarà alla prima esperienza in assoluto con la nuova “rossa” che condividerà con i compagni di marca Nicklas Nielsen e Robert Shwartzman nell’equipaggio schierato dal team AF Corse – Francorchamps Motors.

Quello che sul circuito tedesco è valido come quarto round stagionale della serie Endurance Cup si annuncia come un impegno particolarmente importante per i tre driver di Maranello, reduci da due top-10 in crescendo (8° posto a Monza, 7° a Le Castellet) ma poi incappati in alcuni imprevisti che ne hanno compromesso il risultato alla 24 Ore di Spa, fra l’altro dopo un incoraggiante inizio tra qualifica in prima fila e lo stesso Rovera che aveva preso il comando dopo il primo stint di gara.

Dopo i test di venerdì, la 3 Ore del Nurburgring scatta con 54 equipaggi iscritti al via sabato 29 luglio con prove libere (8.30-10.00) e pre-qualifiche (12.25-13.55). Poi si decide tutto domenica: qualifiche dalle 8.45 e gara con partenza alle 14.45 e diretta tv integrale su Sky Sport Action (canale 205 di Sky) e live streaming disponibile sul sito ufficiale www.gt-world-challenge-europe.com.

Rovera ha dichiarato in vista della trasferta per la tappa in Germania: “Fremo per tornare in pista! Mi sento prontissimo e non vedo l’ora, anche perché veniamo da una serie di gare, tra GT World Challenge e anche Mondiale Endurance, che non sono andate come avremmo voluto. In squadra si respira il desiderio di rivincita e puntiamo a tornare a raccogliere un risultato positivo. Al Nurburgring avevo corso con la 488 due anni fa, credo che la pista sia ancora più consona alla 296, lo verificheremo in prova. Le sensazioni sono buone, bisognerà lavorare bene per riuscire ad avere una macchina più agile possibile e particolarmente efficace in frenata”.

Comments

comments