48 Views

È iniziata all’insegna dei brindisi, la stagione sportiva di Effepi Sport. La scuderia di Casalguidi, rappresentata dal copilota Simone Fruini, ha vinto sull’asfalto del Rally Il Ciocco e Valle del Serchio, appuntamento di apertura del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco e della GR Yaris Rally Cup 2023, “monomarca” promosso da Toyota Italia che vede come campione in carica proprio l’equipaggio pistoiese.

Sulla GR Yaris Evo messa a disposizione e curata in campo gara dal team Lion Motor Events, Thomas Paperini e Simone Fruini hanno consolidato il vertice della classifica del campionato nelle prime fasi di gara, con la vittoria delle prime quattro prove speciali in programma, gestendo il margine sugli inseguitori fino alla pedana d’arrivo e prevalendo con un margine di diciassette secondi sul secondo classificato. Una performance valsa anche la tredicesima posizione della classifica generale, risultato che ha confermato la vettura in termini prestazionali su un fondo particolarmente selettivo, articolato su prove speciali che si sono susseguite tra Mediavalle e Garfagnana. Obiettivo centrato a pieno per la squadra di Casalguidi, realtà che si sta gradualmente consolidando in ambito nazionale e che punterà ad un prestigioso “bis” nella GR Yaris Rally Cup a difesa del titolo conquistato lo scorso anno. Una stagione importante, articolata sulle strade di sei appuntamenti che, dopo il Rally Il Ciocco, chiamerà l’equipaggio sulle strade del Rally di Alba Regione Piemonte, del Rally San Martino di Castrozza, del Rally 1000 Miglia, del Rallye Sanremo e del Rally ACI Monza.

È con una prestazione cristallina, priva di sbavature, che Gianandrea Pisani (nella foto a sinistra) si è regalato il vertice del Campionato Italiano Rally Due Ruote Motrici. Il pilota portacolori della scuderia Jolly Racing Team – al volante della Peugeot 208 Rally4 messa a disposizione dal team Laserprom 015 – si è congedato dal Rally Il Ciocco conquistando la vittoria tra le vetture a trazione anteriore e sfiorando la “top ten” da undicesima forza assoluta del primo confronto tricolore. Sulle strade di Mediavalle e Garfagnana, il driver – affiancato da Massimo Moriconi – ha confermato la bontà di un progetto già avviato lo scorso anno sulle strade della massima espressione nazionale ma consolidato grazie ad una comunione d’intenti che ha elevato Laserprom 015 e Michelin, fornitore degli pneumatici.

“Il Rally Il Ciocco è sempre difficile ma quest’anno lo è stato particolarmente, con poco grip – il commento di Gianandrea Pisani – abbiamo attaccato nei primi due giri di speciali cercando, poi, di amministrare il vantaggio. Sono felice sia per Laserprom 015 che per Michelin, per Jolly Racing Team e tutti i partner che hanno creduto in questo progetto. Un ringraziamento particolare a Massimo Moriconi, copilota che è salito in macchina con me con scarso preavviso ma che ha portato avanti un lavoro egregio. Adesso, testa al Rally di Alba”.

 Sfortunata, la gara di Gianandrea Gherardi. Il driver, che aveva concluso il primo giorno di gara in seconda posizione tra gli iscritti alla Suzuki Rally Cup, è stato limitato da un problema all’impianto frenante accusato sulla Suzuki Swift Sport Hybrid fin dalla prima prova del sabato, particolare che ha – successivamente – compromesso la rincorsa alla quarta posizione, mancata nella fase finale. Con Sandro Sanesi a dettare le note, l’alfiere di Jolly Racing Team ha concluso in ottava piazza, rimandando al prossimo appuntamento di campionato le legittime prospettive maturate sui primi chilometri di gara. Seconda posizione di classe Rally4/R2 per Giuseppe Carli, affiancato da Sabrina Cintolesi sulla Peugeot 208 R2, vettura che ha caratterizzato la sua attività sportiva 2022.

Dal Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco alla Coppa Rally di Zona con Luca Panzani (nella foto a sinistra) vincitore assoluto del confronto. Un risultato conquistato al volante della Skoda Fabia Rally2, condivisa per la prima volta con Daniele Spina. Il pilota ha, così, avviato nel modo migliore il proprio percorso stagionale, incentrato nella partecipazione al Campionato Italiano Rally Terra. Quindicesima posizione assoluta per Marco Ramacciotti. Il pilota, all’esordio sulla Skoda Fabia Rally2 messa a disposizione dal team MM Motorsport, ha conquistato la quindicesima posizione assoluta condividendo con Filippo Caturegli una performance crescente, con l’acquisizione degli automatismi della vettura cresciuta sensibilmente nella fase centrale di gara. Vittoria di classe S1600 per Stefano Leporatti e Maurizio Maccioni, su Renault Clio mentre, in terza posizione di classe Rally4, si sono classificati Giacomo Vargiu e Luca Macrini, su Peugeot 208. Quarta piazza di R2 per Giacomo Franceschini e Dario Giacomelli, con il giovane pilota sempre più a suo agio sulla Peugeot 208. In classe A7, chilometri importanti per Fabio Spinelli e Simone Gabbricci, all’arrivo come unici interpreti della classe A7 su Renault Clio Williams. Un obiettivo, quello legato al traguardo, ambito da molti, vista l’elevata selettività delle condizioni di fondo. Seconda posizione di classe Rally5 per Giacomo Martinelli e Carlotta Dallai, su Renault Clio, protagonisti di una performance concreta alla loro seconda collaborazione in abitacolo. Sul secondo gradino del podio di classe N2 si sono elevati Roberto Vannini e Alessandro Forni, su Peugeot 106. Soddisfazioni anche dai copiloti in gara: Chiara Lombardi ha concluso in seconda piazza tra le vetture a due ruote motrici, su Peugeot 208 Rally4, Roberto Micalizzi quinto di classe A5 su Rover MG, Nicolò Micheletti quarto di A0, su Fiat Seicento. Sfortunata gara di Simone Brachi nella GR Yaris Rally Cup, chiamato alla prima collaborazione in abitacolo ma attardato da una “toccata”. Vittoria nell’ERC4 per Luca Guglielmetti, copilota che ha condiviso con Roberto Daprà il Rally di Fafe, in Portogallo, valido per il Campionato Europeo Rally.

È un ritiro che non ha negato un buon approccio con la vettura, quello accusato da Liberato Sulpizio sulle strade del Rally Il Ciocco, appuntamento di apertura del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco. Il pilota portacolori della scuderia BB Competition – al volante della Hyundai I20 R5 messa a disposizione dal team Friulmotor e condivisa con Alessio Angeli – ha affrontato le prime fasi di gara con un setup conservativo, esprimendo al meglio le proprie potenzialità nella parte decisiva di gara, quella centrale. L’ultimo giro di prove speciali, tuttavia, lo ha visto accumulare ritardo a causa di un testacoda occorso sulla prova speciale Renaio, costato venti secondi a causa dello spegnimento della vettura ed una posizione in linea con aspettative da “top ten”. I chilometri di Puglianella hanno poi compromesso i propositi del driver laziale, costretto al ritiro a causa di una “toccata” che ha danneggiato la ruota posteriore sinistra.

“Al di là dell’epilogo di gara, rimangono le buone sensazioni legate al primo utilizzo della vettura e la bontà del rapporto instaurato con il team – il commento di Liberato Sulpizio – la Hyundai I20 mi piace, stessa cosa vale per la squadra, che ringrazio insieme a BB Competition ed i partner che stanno supportando la mia stagione. Adesso ripartiamo da tutto il positivo espresso fino al ritiro, proiettandoci già verso il Rally di Alba Regione Piemonte, il prossimo appuntamento”.  Massimo Pucci, anch’egli interprete del confronto valido per il Tricolore, è stato anch’egli attardato da un testacoda della sua Renault Clio S1600 sulla “Renaio” costato quaranta secondi. Il pilota, affiancato da Silvio Gabrielli, non ha così potuto esprimersi al vertice della categoria, obiettivo prefissato alla vigilia di gara. Nel confronto valido per la Coppa Rally di Zona, undicesima posizione assoluta per Marco Betti e Leonardo Fasulo, equipaggio che ha portato la Peugeot 208 Rally4 di GF Racing sul secondo gradino del podio di classe. Il pilota spezzino ha, progressivamente, visto innalzarsi il livello di feeling con le coperture Pirelli, marchio di pneumatici utilizzato per la prima volta sulle strade del “Ciocco”, caratterizzate da un fondo particolarmente impegnativo. Un training importante per Betti, atteso ad aprile sulle strade del Rallye Elba, appuntamento inaugurale di International Rally Cup.

Performance crescente per Giuseppe Iacomini: il driver, tornato al volante della Subaru Impreza R4, ha visto migliorare i propri riscontri grazie alle modifiche effettuate nel corso della fase centrale di gara, condividendo la pedana d’arrivo con Simone Marchi.

Gara sfortunata, invece, per Luca Artino, pilota portacolori della scuderia Art-Motorsport, congedatosi dalle strade del Rally Il Ciocco e Valle del Serchio in decima posizione assoluta. Un risultato che non ha assecondato le aspettative nutrite dal pilota di Lamporecchio, chiamato al volante della Skoda Fabia Rally2 Evo messa a disposizione e curata in campo gara dal team Autosole 2.0. Una performance che ha risentito del rimodulamento last-minute dell’equipaggio, legato all’indisposizione fisica dell’abituale copilota Andrea Gabelloni, verificatasi ad un giorno dalla partenza della gara. Una criticità superata grazie alla disponibilità di Alessandro Massaro, codriver che si è seduto al fianco del pilota pistoiese per la prima volta in carriera e che si è reso parte integrante di una collaborazione, quella in abitacolo, costruita sui chilometri dell’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona 6 non avendo avuto possibilità di prepararlo insieme. “Ringrazio Alessandro Massaro, il mio copilota, per aver accettato all’ultim’ora di salire in macchina con me per sostituire Andrea Gabelloni – il commento di Luca Artino – purtroppo abbiamo pagato lo scotto di non aver preparato la gara insieme. Ringrazio anche il team Autosole 2.0 per avermi messo a disposizione una vettura perfetta, confermando tutto il buono riscontrato lo scorso fine settimana sulle strade del Motors Rally Show di Pavia. Siamo riusciti ad esprimerci solo in parte, alternando buone prestazioni ad altre sotto tono, credo che questo rappresenti però un buon punto di partenza in vista dei prossimi appuntamenti”.

Per Luca Artino, adesso, si prospetta la preparazione al Rally della Valdinievole, appuntamento casalingo che – nell’ultimo weekend di aprile – lo vedrà ancora al volante della Skoda Fabia Rally2 Evo equipaggiata con pneumatici Pirelli.

Comments

comments