12 Views

“Meglio avere dei genitori, anche se omosessuali, piuttosto che non averne affatto… non ho dubbi nel dire che un bambino adottato e amato da una coppia crescerà sicuramente meglio che un bambino senza genitori”. Sono le parole di Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, davanti alla platea di Vasto per la festa dell’Italia dei Valori.

Il sindaco di Milano spiega il suo pensiero in un momento dove i temi dei diritti civili diventano protagonisti della prossima campagna elettorale per le politiche e a pochi giorni dall’intervento di Papa Benedetto XVI a difesa del matrimonio e della famiglia intesa come unione fra uomo e donna.

“Quando si affrontano questioni delicate come questa – spiega ancora Pisapia – è necessario avere bene in mente la realtà senza pregiudizi. E nella realtà, come dimostra l’esperienza di molti paesi anche europei, i bambini possono essere cresciuti da ottimi genitori, sia etero che omosessuali, mentre al contrario possono esserci pessimi genitori in entrambi i casi. Le richieste di adozione vengono vagliate e valutate con attenzione da psicologi, esperti e giudici. E questa è una procedura importante e necessaria che va mantenuta, perchè solo così si può valutare il bene del bambino e se chi fa richiesta di adozione sia persona idonea a educare e crescere un figlio”.

In risposta alle parole espresse dal sindaco, arriva da Milano il commento di Manfredi Palmeri, presidente del consiglio comunale: “un tema così complesso e articolato che riguarda i minori – afferma Palmeri – non può essere affrontato con un approccio da derby, da slogan o titoli di giornale. Nel merito dell’intervento all’evento del partito politico Italia dei Valori a Vasto, stupisce la superficialità con cui Pisapia dimentica le difficoltà sofferte da migliaia di coppie eterosessuali italiane in relazione a tempi, burocrazia, problemi nonché diversi limiti, con cui devono fare i conti. Poi non trovo corretto che le parole del Sindaco Pisapia – assente da Milano come quasi sempre accade nei week-end, non impegnato in Città, lontano fisicamente e politicamente dalle sue esigenze – siano correlate al registro delle unioni civili operativo da due settimane, istituito peraltro non attraverso una proposta della sua Giunta, ma con una delibera di iniziativa consiliare. I Consiglieri del PD, in particolare i cattolici, e l’incoerente Assessore al Bilancio avevano esplicitamente detto che non si sarebbe parlato di adozioni per coppie dello stesso sesso, idee che non si potevano certo trarre da provvedimenti di questo tipo, ma soprattutto che sarebbe stato pubblicamente ripreso chi lo avesse fatto… Ecco. Aspettiamo quindi che riprendano il Sindaco Pisapia, per quella che loro hanno definito ‘una fuga in avanti”.

Comments

comments