1 Views

SI problemi per il sindaco di Piacenza non sembrano finire mai. Annunciata la composizione della nuova giunta con lo scopo di dare maggiore coesione all’azione di governo cittadino, alla prima seduta il colpo di scena. Due assessori, Rabuffi e Gazzola, hanno manifestato dissenso e non hanno votato il provvedimento relativo alla gestione dell’acqua pubblica (una società pubblico-privato per la gestione del servizio integrato).

Paolo Garetti, consigliere comunale della lista Sveglia, ha così commentato l’ennesima difficoltà della giunta: “nei “maggiori sistemi democratici” la regola che assessori e sindaco si sono dati è che le delibere di giunta passano all’unanimità dei presenti. Devo dedurre che quindi chi non è d’accordo o diserta la seduta o esce dalla sala al momento del voto. Non mi sembra un buon inizio per l’auspicate coesione e unità di intenti del nuovo esecutivo“.

Da registrare che uno dei due assessori dissidenti, Luigi Gazzola, é uno dei nuovissimi assessori nominati da Dosi perché “più in linea con le linee del mandato del sindaco”. Se il buongiorno si vede dal mattino…

Stefano Bassi

Comments

comments