15 Views

“L’andamento dello spread, che anche oggi cresce, e le sue conseguenze sul debito, la gravità della situazione economica del Paese imporrebbero alle forze politiche, soprattutto a quelle che sostengono il Governo Monti, una responsabilità ben diversa rispetto ad una discussione sulla data delle prossime elezioni che è pericolosa e surreale. E la stessa drammaticità impone ai gruppi parlamentari responsabili del Senato di dedicare questi giorni, e non solo poche ore, ad un’approfondita discussione in Commissione del provvedimento sulla spending review, per consentirne una rapida approvazione definitiva.

A questo fine il gruppo del Pd al Senato ritirerà la maggior parte degli emendamenti, concentrando la propria attenzione su alcuni punti essenziali e su pochissimi proposte emendative. Ci auguriamo che anche gli altri gruppi si vogliano muovere in questa direzione”. Lo dice Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del PD al Senato.
“Io credo – prosegue Anna Finocchiaro – che il primo compito che ci spetta in Senato non sia quello di impegnarci in una discussione inutile sul tema delle riforme istituzionali che, ormai è evidente a tutti, sono su un binario morto, ma l’approvazione urgente del provvedimento sulla spending review. Per questo penso che sarebbe più utile, invece che discutere in aula fino a mercoledì di riforme istituzionali, lasciare questo tempo alla commissione Bilancio per una discussione vera e seria che possa portare a un testo del provvedimento il più condiviso possibile e pronto per essere portato, con urgenza, in aula”.

Comments

comments