40 Views

fraschini(Pavia, 19.03.14) – “Sono disgustato per l’ennesimo rinvio subito dalla mia delibera che istituisce il Registro comunale delle unioni civili nella città di Pavia” – é il primo commento a caldo del consigliere comunale Niccolò Fraschini dopo alcune ore di battaglia in Commissione Affari Generali.

Ad accompagnare la sua delusione molti cittadini intervenuti all’appuntamento, l’associazione Radicali e l’Arcigay di Pavia.

Fraschini commenta senza mezzi termini quanto accaduto oggi: “Questa maggioranza di senza palle non ha neanche avuto il coraggio di votare contro il provvedimento, perché temono di pagare questa scelta a livello elettorale. Quindi, da buoni democristiani vecchi e nuovi, hanno pensato bene che fosse meglio insabbiare tutto, rendendo quindi quasi impossibile che la delibera arrivi all’esame del Consiglio prima della fine di questa legislatura. Mi batterò fino all’ultimo secondo utile contro l’arrogante squallore di queste persone”.

Fraschini ricorda e fa suo il detto ‘Se una persona non ha il coraggio di correre qualche rischio per le sue idee, o non vale nulla la persona o non valgono nulla le sue idee’.

Duro anche il commento dell’Associazione Radicali, presieduta da Federico Rano: “L’idea che i diritti delle minoranze siano “meno degni di tutela” speravamo fosse archiviata con le dittature del novecento, e invece imperversa ancora tra i consiglieri del Comune di Pavia. Esprimiamo solidarietà alla comunità LGBTI di Pavia e a tutti coloro che oggi erano presenti alla Commissione Affari Generali e che si sono sentiti offesi, umiliati e, come Niccolo Fraschinie come noi, profondamente schifati”.

Non perde le speranze il presidente di Arcigay Pavia, Niccolò Angelini, il quale fiducioso afferma: “Attendiamo che alla riunione della commissione della settimana prossima si arrivi ad un voto, la comunità pavese sarà presente e attenta“.

 

 

Comments

comments