27 Views

Si è da pochissimo conclusa la fiera Model Expo Italy di Verona che si è svolta in zona fiera lo scorso fine settimana (4 e 5 Marzo 2023). Anche in questa edizione la fiera si è dimostrata un evento cardine per l’universo del modellismo statico, in movimento e non solo grazie anche ai suoi padiglioni collaterali come il Play District , il padiglione dell’artigianato e il padiglione dedicato al Mondo Lego.

Se secondo una recente ricerca americana i celebri mattoncini sono destinati a diventare “l’oro” del futuro oggi sono diventati senza dubbio un’attrattiva per persone di tutte le età; dai bambini alle famiglie, dagli appassionati ai collezionisti più sfrenati.

Anche i cabinati, i giochi “vintage” stanno prendendo sempre più piede diventando dei veri e propri oggetti di culto che in questa fiera si potevano provare e in alcuni casi acquistare.

Ormai è tempo di dimenticarci la figura arcaica del Nerd o dell’Otaku (il fanatico di videogiochi, manga e anime) ma è tempo di rivalutare questa figura perché sempre più di tendenza e specchio di un mondo, di una filosofia e di un fenomeno di costume che ha origine negli anni ’80 ma che non finisce mai di attrarre e di attirare nuovi adepti (anche giovanissimi che all’epoca non c’erano).

Parliamo anche di Cosplay, questo termine di origine giapponese che unisce due parole e le fonde diventando il “gioco in costume”, un gioco che non conosce limiti perché si può arrivare ad interpretare chiunque, dal nostro eroe dei fumetti, al nostro personaggio preferito di un film e perché no anche crearci noi da zero un nuovo eroe o una nuova eroina come meglio preferiamo e poi andarla ad interpretare, a dargli vita.

A tal proposito una novità di quest’anno è stata la gara Cosplay che al posto di svolgersi di domenica si è svolta sabato 4 Marzo, mentre nella giornata di Domenica vi sono state delle scenette organizzate dai parchi Gardaland e Movieland che erano entrambi presenti con i loro padiglioni oltre che alcune scenette organizzate da vari gruppi di Cosplayers presenti.

La fiera comunque nasce per dare risalto al modellismo, un mondo anche questo ricco e pieno di sfaccettature. Una delle zone più entusiasmanti da vedere è senza dubbio quella dedicata al modellismo navale dove si possono ammirare dei veri e propri scontri navali in miniatura all’interno di alcune piscine.

Il ferromodellismo con i suoi esperti, le varie associazioni (tedesche, austriache, italiane e molte altre), i mezzi agricoli e anche escavatori che nelle loro aree sfoggiavano mini cantieri, delizia per gli occhi e per l’inventiva.
Anche il modellismo aereo ha la sua dimensione grazie a delle apposite aree dove far decollare in libertà i propri mini-velivoli oppure dove poter sfidare altri appassionati e vedere assieme quale veicolo avrà la meglio.

Per gli amanti delle quattro e due ruote anche il modellismo automobilistico e motociclistico ha avuto la sua rilevanza grazie a momenti di competizione organizzati in piste, sterrati e circuiti sempre in dimensione ridotta.

Il modellismo statico, la sua pazienza e anche le sue ricostruzioni storiche o invenzioni futuristiche (grazie all’uso della stampante 3D) si possono ammirare e vedere anche create in diretta da alcuni artigiani e sopratutto appassionati che vengono da diverse parti d’Europa.

Un’edizione questa del 2023 che ha visto alcune aree più ricche, altre un po’ meno ma che comunque ha saputo dimostrare una buona varietà capace di soddisfare le esigenze di ogni visitatore giunto alla fiera.

Messua Mazzetto

Comments

comments