Non tutti lo sanno ma il termine materasso deriva dall’arabo e prende le sue origini dalla parola Matrah, che significa letteralmente posarsi o gettarsi. I primi ad utilizzare il materasso furono i soldati cristiani durante le guerre crociate, prima di passare poi al neolitico ritenuto il periodo della nascita dei primi materassi che all’inizio erano costituiti da mucchi di foglie e sterpaglie che venivano coperti da pelli animali.

Gli egizi, invece, tra il 3000 e il 1000 aC, iniziarono a produrre superfici rialzate con archi di rami di palma riposando su giacigli di lana e ricoprendo il tutto con biancheria di lino. All’antico Egitto è dovuta anche l’invenzione dei primi cuscini realizzati in legno o in pietra. Nell’Antica Roma, invece, i materassi erano sacchi di stoffa imbottiti con vari materiali come paglia e fieno, mentre i più ricchi si potevano permettere lana e piume di uccello. Nel corso degli anni il materasso si è evoluto insieme alla società ed oggi sono diventati sempre più confortevoli, comodi e perfetti per il riposo.

Il materasso memory

Una delle opzioni più importanti degli ultimi anni è il materasso in memory foam che ha conquistato sempre più consensi tra i consumatori. I materassi memory di Baldiflex, ad esempio, presentano alcune caratteristiche che lo rendono perfetto per il riposo e per la nostra postura.

Il materasso memory è fatto per accogliere in maniera naturale la colonna vertebrale. Non a caso questa tecnologia è stata utilizzata dalla Nasa per proteggere i propri astronauti dalle forti accelerazioni durante i lanci spaziali. Un materasso memory è in grado di tenere dritta la colonna vertebrale ed evita le posizioni scomode ed innaturali che non solo non ci permettono di dormire bene ma possono essere anche dannose per la nostra salute. Si tratta infatti di una tecnologia perfetta per chi è abituato a muoversi molto nel sonno. Inoltre è traspirante in quanto la sua struttura a nido d’ape permette la circolazione dell’aria.

Il materasso a molle

Diverso è il discorso del materasso a molle, molto utilizzato nel corso degli ultimi decenni e diffuso da ormai 300 anni. Il cuore del materasso è rappresentato dalle molle, ossia un complesso reticolo di fili di acciaio o di altro materiale che svolgono la funzione di sostegno e di nucleo nel materasso. Oggi le molle sono insacchettate, ossia vengono avvolte in sacchetti di tessuto ad alta resistenza di usura. Ciò rende il materasso a molle molto comodo ed ergonomico e capace di offrire un riposo perfetto. Molto dipende dal numero di molle che più sarà alto e maggiore sarà il comfort ottenuto.

Quale scegliere?

La scelta tra il materasso memory e quello a molle non è di certo semplice. Le ultime ricerche in termini di benefici per la nostra salute e per la qualità del sonno tendono verso il materasso memory foam che assicura supporto alla colonna vertebrale e ci permette di godere di un relax davvero unico.

Comments

comments