“Ci auguriamo che l’attività diplomatica condotta in questi giorni dal ministro degli Esteri italiano con le diverse autorità libiche non abbia come priorità la preservazione del memorandum, qualunque sia lo scenario che si delineerà e qualsiasi parte prevalga” dichiara Massimiliano Iervolino, Segretario di Radicali Italiani.

“Tra tre settimane scatterà il nuovo accordo triennale Italia-Libia, già tacitamente rinnovato: è vergognoso anche solo pensare di poter continuare a collaborare con un paese che attraversa un conflitto civile per contenere i flussi migratori nel Mediterraneo centrale. Le
violazioni dei diritti umani nei confronti di migranti e rifugiati sono all’ordine del giorno in Libia, come continuano a denunciare le organizzazioni internazionali presenti nel paese e, con un conflitto civile in corso, la situazione non può che deteriorarsi. I libici a loro volta potranno essere costretti a fuggire più numerosi. Tra il 2017 e 2019 la Guardia costiera libica ha intercettato in mare e portato indietro circa 40.000 persone già in fuga da violenza e condizioni socio-economiche estreme: che fine avranno fatto? Saranno state ricondotte nei centri di detenzione, dove sappiamo che si verificano abusi, torture e uccisioni? L’Italia ha contribuito a tutto questo, con una cifra che sembrerebbe superare i 150 milioni di euro. Non possiamo accettare che si ripeta”.

Comments

comments