29 Views

E’ disponibile su tutte la piattaforme digitali, “Fever”, il secondo singolo tratto dal nuovo album dei Kings of Convenience, “Peace or Love”, in uscita per Polydor Records il 18 Giugno.

“Fever” è una canzone intima il cui genere di riferimento è quello della bossa nova. Le melodie delle chitarre vengono accompagnate in maniera splendida dagli archi cadenzati e da un elegante pianoforte. Il testo della canzone testimonia invece l’abilità autorale del duo, che usano la metafora della febbre per esplorare l’amore, nei suoi picchi e nelle sue cadute.

“Fever” è stata la canzone dell’album scritta più velocemente, nata da una semplice ispirazione – ha detto Erlend. La registrazione e l’arrangiamento però sono stati due processi abbastanza lunghi, culminati con l’aggiunta da parte di Eirik  del piano nella parte finale durante gli ultimi giorni di registrazione, a Febbraio 2020.

‘Peace or Love’ rappresenta il sound di due vecchi amici che esplorano l’ultima fase della loro vita insieme e trovano nuovi modi per catturare quella magia inafferrabile. Registrato in 5 anni in 5 città diverse, l’album è fresco come l’arrivo della primavera: 11 canzoni sulla vita e sull’amore con la tipica bellezza seducente, la purezza e la chiarezza emotiva che ci si aspetta dai Kings of Convenience.

Eirik Glambeck BoE e Erlend Oye si sono conosciuti a scuola a Bergen, in Norvegia, ed hanno suonato nella stessa band, gli Skog, prima di sciogliersi e formare il duo nel 1999. La coppia è stata pioniera di una nuova ondata di musica intima ed acustica. Hanno pubblicato tre album, tutti acclamati dalla critica e hanno suonato in tour in giro per il mondo.

Dopo il rapidissimo sold out della data bolognese, si aggiungono due nuovi appuntamenti live con i Kings of Convenience, qui le date aggiornate del tour italiano

26/10  ore 21 Catania Teatro Metropolitan

29/10 ore 21.15  Bologna Teatro Manzoni NUOVA DATA

30/10 ore 21.15 Bologna Teatro Manzoni SOLD OUT

01/11 ore 13  Milano Teatro degli Arcimboldi  NUOVA DATA

01/11 ore 21  Milano Teatro degli Arcimboldi

Comments

comments