Negli ultimi mesi Padova, ed in maniera più estesa il territorio della Regione Veneto, sta vivendo un periodo di estrema siccità dovuto alla scarsità di precipitazioni. Un problema certamente da non sottovalutare esistente in Città è il consumo del suolo.

 

«Siamo in primavera ed il meteo sarà sempre più imprevedibile, non dobbiamo assolutamente sottovalutare le criticità legate all’impermeabilità del terreno e dal consumo del suolo – ha commentato l’ex Presidente del Consiglio Comunale Federica Pietrogrande della Lega Padova per Peghin Sindaco – L’eccessivo utilizzo del cemento, soprattutto in certi quartieri e nelle periferie, sta modificando radicalmente il territorio; non possiamo rischiare in caso di maltempo di incappare in criticità idrauliche come già accaduto qualche anno fa».

Nel 2018 il prof. Eugenio Pappalardo dell’Università degli Studi di Padova si è occupato di uno studio relativo alle criticità nel sistema di drenaggio a livello urbano che interessano in modo particolare alcune zone di Padova.

«Il professor Pappalardo ha sottolineato quanto la capacità di carico idraulica sia stata massa a dura prova con conseguenze anche critiche durante eventi molto importanti dal punto di vista pluviometrico – prosegue Pietrogrande – Le zone più colpite, e quindi con maggior rischio futuro e per le quali è stato identificato un alto tasso di impermeabilità del terreno, sono San Lazzaro, Forcellini, Basso Isonzo e Brentelle».

Ripristinare un’area industriale a terreno naturale ovviamente è impossibile ma ci sono delle valide alternative: «Dobbiamo intervenire immediatamente onde evitare disastri in futuro – conclude Pietrogrande – Come suggerito dal dott. Pappalardo il recupero di zone pubbliche completamente abbandonate e con scarsa manutenzione attenuerebbe di diversi punti il problema, ma anche un progetto di rigenerazione urbana con soluzione di giardini verticali favorirebbe l’assorbimento dell’acqua eccessiva poi rilasciata nell’ambiente attraverso la naturale evaporazione. Questo purtroppo non è stato mai pensato, noi della Lega Padova per Peghin Sindaco siamo impegnati anche su questo fronte».

Comments

comments