68 Views

1(di Giulio Perrotta) Il “misticismo nazista” è un movimento basato su radici ideologiche mistiche, che affondavano nel pensiero distorto ma profondamente colto di Adolf Hitler e di altre individualità naziste, come Arthur de Gobineau, Guido von List e Jörg Lanz von Liebenfels.

Le simbologie runiche, il rinnovamento della mistica germanica e l’esistenza di dipartimenti governativi dedicati proprio allo studio dell’eredità misterica tedesca e del Paganesimo, portarono alla credenza che il Nazismo fosse il Movimento politico elettivo per eccellenza, nonostante la quasi totale assenze di basi scientifiche e storiografiche.

Celebre fu la massima di Hitler sul legame tra la spiritualità e la forza fisica: «La forza senza un fondamento spirituale è destinata a fallire».

Gli elementi che caratterizzavano questa corrente furono:

a) la certezza di una certa elettività divina del movimento politico;

b) la credenza che loro erano gli unici detentori della verità;

c) la legittimazione all’uso della violenza per fini superiori e divini;

d) la necessità di affermare la supremazia della razza ariana (c.d. iperborei) sui popoli diversi da quell’ideale di perfezione, di cui i più puri erano i “Teutoni”. Il concetto poi di “alto, biondo e occhi chiari” ha inciso fortemente nella setta tedesca della “Vril”, dove la medium Maria Orsic riceverà una serie di messaggi da Aldebaran, stella della costellazione del Toro. Grazie a tali comunicazioni (mai confermate da dati oggettivi), si sarebbe scoperto che la popolazione di Aldebaran era divisa tra il “Divino Popolo della Luce”, ovvero gli Ariani alti, biondi e dagli occhi azzurri, e le razze degenerate geneticamente. A causa della continua espansione di Aldebaran, con la perdita dell’Idrogeno nell’atmosfera, gli Ariani sarebbero stati costretti ad abbandonare, 500mila anni fa, il pianeta d’origine, colonizzando i nuovi pianeti, passando prima dal Pianeta “Mallona (Prometeo per i Romani, denominato anche Marduk o Maldek), situato tra Giove e Marte, ovvero il “pianeta disintegrato” e da Marte, arrivando a colonizzare infine la Terra, dando origine all’Impero Sumero-Accadico;

e) il bisogno di istituire enti e ordini su base esoterica e massonica (es. quella creata nel 1910 dal barone Glauer von Sebottendorff, la “Thule”, chiamata anche l'”Ordine Germanico del Santo Graal”) che legittimassero le visioni della celebre medium ed occultista Helena Petrovna Blavatsky, fondatrice della Società Teosofica Internazionale, la quale affermava di di essere in contatto telepatico con gli “Antichi Maestri Sconosciuti”, corrispondenti ai discendenti antichi della razza iperborea, che sarebbe vissuta tra Tibet e Nepal e che dopo una catastrofe si sarebbe rifugiata nel sottosuolo in una città chiamata “Agarthi”, con capitale Shambala, così come richiamata da un’antica leggenda tibetana.

 

2     3     5


Comments

comments