160 Views

È uscito lo scorso venerdì sulla piattaforma di Prime Video il nuovo film di Maccio Capatonda “Il migliore dei mondi” presentato con un evento in anteprima al Lucca Comics & Games di quest’anno a Lucca.

Il film è una commedia di base , che ci racconta le vicende di Ennio Storto (interpretato da Maccio Capatonda) che si ritrova catapultato in un 2023 alternativo dove la tecnologia è rimasta bloccata attorno agli anni ’90 e gli smartphone non esistono. Per Ennio superato lo shock iniziale il mondo alternativo diventerà a poco a poco un luogo importante per fare dei paragoni con il mondo dal quale proviene (il nostro) dove inizierà a chiedersi quale sia il più “giusto” e il migliore per coltivare passioni e sentimenti.

Un film che si interroga su una tematica molto importante, che esce quasi in concomitanza con il periodo del “Black Friday” e che si chiede proprio come sia possibile fuggire da queste realtà “virtuali” che a volte diventano così fagocitanti che ci mangiano l’entusiasmo e la scoperta. Ennio si ritrova così a ri-scoprire la comunicazione con l’altro, la dimensione più “retrò” ma più “umana”.

Sono convinta che più che una commedia sia un film che lascia con molti interrogativi sulla nostra vita quotidiana di tutti i giorni, in un primo momento ridiano quando vediamo i siparietti comici, ma poi scatta la discussione (nel caso mio assieme alla persone con le quali ho visto la pellicola), discussione dovuta perché le tematiche che vengono proposte sono diverse e molto interessanti.

Un Capatonda diverso quindi, che ci fa sorridere e ridere come di consueto ma che ci porta anche verso un dibattito e ci pone di fronte a delle riflessioni verso la tecnologia ma anche verso noi stessi perché un’altra tematica importante che il film espone è anche quella affettiva e amorosa.

Nel 2023 “de noantri” Ennio esce con tantissime ragazze, basta uno “Swipe up” su Tinder ed il gioco è subito fatto … Nella realtà alternativa invece viene messo a nudo, senza uno schermo a proteggerlo e quindi incontrare l’altra persona diviene più arduo perché ci si deve mettere in gioco in modo più completo e diretto fin dal principio.

VOTO: 8

Messa Mazzetto

Comments

comments