Quando si parla di consulenti immobiliari, si fa riferimento a figure professionali che non c’entrano con gli agenti immobiliari: si tratta, infatti, di due ruoli diversi, anche se spesso vengono confusi da chi non è un addetto ai lavori. Un consulente, per poter operare, non ha bisogno di alcun titolo specifico, dal momento che il suo compito è solo quello di fornire agli acquirenti dei suggerimenti a proposito della scelta degli immobili a cui gli stessi sono interessati. La consulenza immobiliare che viene fornita è sempre gratuita.
Il consulente, d’altro canto, non si può occupare della mediazione tra le parti, e cioè tra gli acquirenti e i venditori, in quanto tale mansione spetta unicamente agli agenti immobiliari. Questi ultimi sono professionisti che mediano tra l’offerta e la domanda. Non tutti possono lavorare come agenti immobiliari: per farlo rimanendo nell’alveo delle regole, infatti, è necessario essere registrati presso il Ruolo degli Agenti di Affari in Mediazione. Un agente immobiliare, comunque, può offrire una consulenza immobiliare: insomma, riassumendo, un agente immobiliare può anche essere un consulente immobiliare, ma un consulente immobiliare non può anche essere un agente immobiliare, nel senso che non è titolato a svolgere i suoi compiti.

Ma quali sono le caratteristiche dei bravi consulenti immobiliari? Essi devono essere dotati di capacità di persuasione eccellenti ed essere in grado di vendere bene. La consulenza immobiliare abilitata, però, deve essere sempre informata e motivata, ed è per questo motivo che un consulente deve tenersi sempre aggiornato, non solo a proposito dell’andamento del mercato immobiliare in generale, ma anche per ciò che riguarda il suo territorio di riferimento. Gli agenti immobiliari, a loro volta, non possono fare a meno di informarsi e di aggiornarsi, tenendo sotto controllo lo sviluppo del mercato immobiliare e monitorando il modo in cui si evolvono le normative. Solo in questo modo si ha la possibilità di garantire un valido aiuto a tutte le parti che sono coinvolte nella compravendita di un immobile. Un agente deve, tra l’altro, avere delle buone competenze sia in diritto privato che in diritto pubblico, e inoltre deve poter offrire un’eccellente esperienza dal punto di vista della stesura dei contratti che riguardano le trattative immobiliari.

Si può dire che l’azione di un consulente immobiliare si esaurisca nell’atto stesso della consulenza, mentre quella dell’agente è più prolungata ed estesa nel corso del tempo, sempre tenendo presente la necessità di restare del tutto imparziali fra le parti in gioco.

Comments

comments