8 Views

“A Vasto presenteremo la nostra piattaforma programmatica che parte dalla discontinuità con le politiche recessive di Monti”. Lo ha detto in un’intervista al settimanale Left il presidente dei senatori dell’Italia dei Valori, Felice Belisario. “Vogliamo aggregare il popolo del centrosinistra mettendo dentro chi sta scappando dalla politica, costruendo un progetto alternativo di governo.

Il problema è che nel Pd esistono troppe anime: ci sono i giovani turchi che parlano di discontinuità con Monti, ma c`è anche la parte vicina a Enrico Letta che ritiene il professore un baluardo insostituibile. E poi c’è Renzi che vuole rottamare tutto. Con quale Pd dobbiamo dialogare? Noi non abbiamo cambiato linea politica. Vogliamo rimanere all`interno del centrosinistra. Lì eravamo e lì siamo: per la difesa dei ceti deboli, contro l`occupazione della Rai, per la riduzione dei costi della politica, perché le banche non drenino risorse dallo Stato”. Belisario rivendica il ruolo dell’Idv all’interno del campo dei progressisti e come forza di governo: “Abbiamo portato nelle  piazze le battaglie che in questi anni abbiamo condotto da soli in Parlamento: la difesa del lavoro, la cancellazione del finanziamento pubblico ai partiti, la lotta alla casta. Per noi sono battaglie di sinistra. L`Idv è una forza seria. Lo ha dimostrato col governo Prodi. Nel 2005 abbiamo partecipato persino alle primarie e nessuno ci ha detto “siete populisti'”. Infine, sul rapporto con Sel: “Vendola è un amico incostante: a Napoli e Palermo non ha fatto tanto l`amico. Invece noi, in Sicilia, stiamo appoggiando convintamente Fava. Non è un caso”.

Comments

comments