159 Views

Nell’antica Grecia, il termine “mythos” si riferiva a narrazioni sacre che miravano a spiegare l’origine di qualcosa e il motivo per cui si verificavano certi fenomeni naturali. I miti greci emersero dalla necessità umana di riflettere su domande essenziali quando filosofia e scienza non erano ancora accessibili a tutti, quindi le persone si rivolgevano alla religione (un classico esempio è un uomo che vedeva un fulmine colpire un albero e lo interpretava come segno dell’ira di Zeus). Col tempo, i miti greci si sono distaccati dal loro scopo originale ed evoluti in vere e proprie storie, diventando persino materiale letterario. Autori come Omero, Apollonio Rodio, Platone e molti altri non sarebbero gli stessi senza fare riferimento ai miti greci nelle loro opere.

In collaborazione con il giornale Eroica Fenice, presentiamo una rassegna di alcuni famosi miti greci. Non ci limiteremo ad analizzarne il significato, ma esploreremo anche come abbiano influenzato vari campi del sapere e ispirato artisti nel corso dei secoli.

Miti greci: i più celebrati

Prometeo

Tra i miti greci sulla creazione, spicca Prometeo. Era uno dei molti Titani che si schierò con Zeus nella battaglia contro suo padre Crono. Dopo essere diventato il sovrano dell’universo, Zeus concesse a Prometeo libero accesso all’Olimpo. Tuttavia, Prometeo si sentì sempre più legato alle sofferenze dell’umanità, che viveva in difficoltà.

Prometeo causò involontariamente queste sofferenze quando, con l’inganno, diede agli esseri umani le parti migliori di un toro sacrificato e ingannò gli dèi offrendo loro le ossa coperte di grasso. In risposta, Zeus tolse il fuoco agli umani. In un gesto di generosità, Prometeo rubò una scintilla del fuoco del sole dal dio Elios (in altre versioni, rubò una torcia ad Efesto) e la regalò agli umani. Alla scoperta di questo affronto, Zeus punì brutalmente Prometeo. Lo fece legare a una colonna, dove un’aquila gli strappava quotidianamente il fegato in continua rigenerazione. Anni dopo, Eracle liberò Prometeo uccidendo l’aquila con una freccia avvelenata.

Tra tutti i miti greci, la storia di Prometeo colpisce per diverse ragioni. Può essere letta metaforicamente come una lotta dell’umanità contro l’autorità e come un percorso filosofico e morale degli esseri umani che cercano di liberarsi dalle paure imposte dalla religione (anche se Prometeo stesso era immortale). Nel mondo dell’arte, questo mito ha ispirato opere come “Prometeo incatenato” ed “Prometeo liberato” di Euripide. In particolare, il romanzo del 1818 di Mary Shelley, “Frankenstein,” sottotitolato “Il moderno Prometeo,” traccia paralleli con questo mito. Come Prometeo, il dottor Victor Frankenstein usa il fuoco (in questo caso, da un fulmine) per dare vita a una creatura, ma l’atto è guidato dalla vanità personale piuttosto che dall’altruismo verso l’umanità.

Miti greci: le Dodici Fatiche di Eracle

Chi non conosce le leggendarie imprese di Eracle, noto come Ercole nella mitologia romana? Secondo il mito, Eracle nacque dalla mortale Alcmena e da Zeus, che aveva assunto le sembianze di suo marito, Anfitrione. A causa di un’altra infedeltà di Zeus, Era, la dea del focolare, pose un serpente nella culla del neonato Eracle per ucciderlo. Tuttavia, Eracle strangolò il serpente, mostrando la sua forza sovrumana.

Allenato nella guerra e nell’uso delle armi, Eracle, da adulto, commise l’omicidio dei figli di Euristeo. Per espiare questo crimine e garantirsi l’immortalità, Eracle dovette completare le “Dodici Fatiche”. Tra le più famose di queste fatiche ci sono l’uccisione del leone di Nemea, l’Idra di Lerna, la pulizia dei recinti di Augia, il furto delle mele d’oro del Giardino delle Esperidi e la cattura di Cerbero, il cane a tre teste, dall’Oltretomba.

Nonostante la sua immortalità, Eracle morì in modo “naturale”. Il centauro Nesso desiderò la moglie di Eracle, Deianira, e cercò di violentarla. Eracle uccise Nesso, ma il centauro convinse Deianira a raccogliere il suo sangue, che affermava essere una pozione d’amore. Quando Deianira successivamente usò il sangue contaminato su Eracle, gli causò un immenso dolore, spingendolo a costruire una pira funeraria e a darsi fuoco. Zeus, alla fine, prese l’anima di Eracle sull’Olimpo e lo sposò con la dea Ebe.

Il mito di Eracle diede origine all’archetipo fondamentale del superuomo invincibile e superforte. Già nell’antica Grecia, Euripide scrisse le opere “Eracle” e “La follia di Eracle”. Nella storia più recente, Gabriele d’Annunzio contribuì al personaggio co-scrivendo la sceneggiatura del film del 1914 “Cabiria,” creando il personaggio del gigante Maciste. Alcune incarnazioni ben note dell’eroe includono “Hercules” di Disney e la serie TV “Hercules: The Legendary Journeys”. La straordinaria forza di personaggi come Hulk, Superman e molti altri supereroi deve senza dubbio molto al famoso eroe semi-divino.

Altri miti greci: Giasone e gli Argonauti

Il mito di Giasone e gli Argonauti racconta la storia di Giasone, un eroe greco che, insieme a un gruppo di guerrieri noti come gli Argonauti, intraprese una ricerca per trovare il Vello d’Oro, un leggendario tesoro situato a Colchide sulla costa del Mar Nero.

Giasone era il figlio del re di Iolco, Aeson, ma Aeson era stato detronizzato dal fratello Pelia, che promise di restituire il trono a Giasone solo se avesse recuperato il Vello d’Oro. Giasone accettò la sfida e partì alla ricerca del tesoro, accompagnato da eroi leggendari come Eracle, Atalanta e Peleo.

Durante il loro viaggio, Giasone e gli Argonauti affrontarono numerose sfide, tra cui il mostro marino Scilla, il drago che custodiva il Vello d’Oro e il re di Colchide, Eete, che era riluttante a separarsi dal tesoro. Con astuzia e coraggio, Giasone riuscì nella sua missione e tornò a Iolco con il Vello d’Oro, riguadagnando alla fine il suo trono.

Il mito di Mirra e Ciparisso

 Il mito di Mirra e Ciparisso è una storia della mitologia greca che narra la trasformazione di Mirra, una giovane donna, in un albero di mirra.

Secondo il mito, Mirra era una giovane bella e virtuosa che amava la natura e i fiori. Un giorno, il dio Apollo la vide passeggiare nei campi e rimase affascinato dalla sua bellezza. Si avvicinò e cercò di sedurla, ma Mirra respinse le sue avances. Offeso, Apollo la trasformò in un albero di mirra, con foglie sempreverdi e fiori profumati.

In seguito, il dio Dioniso, che aveva avuto una relazione con Mirra, la trovò trasformata in un albero di mirra e, pieno di dolore, pianse lacrime di vino su di lei. Queste lacrime di vino arricchirono il profumo dell’albero di mirra.

Il mito di Mirra e Ciparisso è stato spesso interpretato come una metafora per la trasformazione della bellezza fisica in bellezza spirituale o come simbolo della forza di una donna nel resistere alle seduzioni maschili. La mirra, con il suo profumo intenso, è diventata anche un simbolo del lutto e della commemorazione ed è spesso utilizzata nei riti funebri.

Questi sono solo alcuni dei ricchi e duraturi miti greci che hanno lasciato un’impronta duratura sulla letteratura, sull’arte e sulla psiche umana. Le antiche storie continuano a ispirare e a catturare, offrendo intuizioni senza tempo sull’esperienza umana.

Comments

comments