27 Views

Nasce la rubrica “Parliamone” de L’AltraPagina.it con la quale siete invitati a interagire e discutere sui temi d’attualità, politica e cultura. Aspettiamo le Vostre opinioni (registratevi qui per far parte della community de L’AltraPagina.it oppure commentate con il vostro account Facebook a fondo pagina).

Il tema di oggi: Grillo e il Movimento 5 Stelle possono vincere le elezioni 2013 e affermarsi come primo partito in Italia?

L’analisi – Il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo é il primo “partito” in Italia? Sarebbe questo, secondo voci di popolo, il verdetto di alcuni sondaggi, che i partiti di potere sembrano però ignorare. E’ un metodo, quello di non parlare delle cose scomode per evitare che si amplifichino ancor di più e forse é proprio questa la strategia dei partiti di governo.

Ieri Bersani ha detto con chiarezza che l’esperienza Monti non é ripetibile, fiutando il malcontento crescente di larga parte della popolazione. Il PD ieri ha scoperto l’acqua calda ma, di questi tempi, ha fatto bene a rinfrescare la memoria su un concetto fondamentale: “In un Paese democratico la parola spetta al popolo e governa chi vince le elezioni.”

Eppure c’é chi questo non lo capisce. L’UDC é insorta contro Bersani per difendere Monti e per sottolineare come ci sia ancora bisogno di lui anche nel 2013 e oltre. L’UDC é attratta dalla cosiddetta “grande coalizione”, quella che sta governando ora, per intenderci. Stando a questo ragionamento dopo le elezioni si potrà tranquillamente tornare ad un Monti bis appoggiato da più partiti. La domanda nasce spontanea: E che votiamo a fare?

In questo festival di manovre e dichiarazioni preparatorie alle prossime elezioni nessuno sembra curarsi del fatto che bisognerà fare i conti col Movimento 5 Stelle. La rete di Grillo é forte e viene data in continua crescita dopo l’exploit di Parma. I cittadini, stanchi di essere presi in giro, per giunta alla luce del sole come fanno ormai da tempo i nostri politici, vedrebbero sempre più favorevolmente la rete di Beppe Grillo come l’unico strumento affidabile, al momento, attraverso il quale esprimere il proprio malcontento e le proprie opinioni.

Per questo nel 2013 potrebbe arrivare la “rivoluzione democratica” grillina pizzarottiana & co. che spazzerà via tutti i politici presenti nell’attuale parlamento. Che ne pensate? Sarà così?

Stefano Bassi

Comments

comments