schioNon sempre si può vincere- recitava una celebre canzone. Lo sa bene Marco Gianesini che dopo il successo assoluto del Camunia si è presentato al via di un’altra gara ricca di rivali importanti: il RallyDay città di Schio. Sulla Renault Clio S1600 della Top Rally, il pilota sondriese, che gareggiava insieme al bergamasco Marco Bergonzi, non è riuscito a graffiare a dovere. Quarto assoluto al termine delle cinque prove speciali in programma, Gianesini ha faticato a prendere i giusti ritmi nonostante i suoi tempi siano stati vicini a quelli dei primi assoluti.

“A volte capita di non essere in giornata -racconta serenamente Gianesini- e domenica è stato proprio così. Le prove speciali non mi erano congeniali specie la Santa Caterina che in sette chilometri presentava quasi venti tornanti. Un vero peccato perché il podio era sicuramente alla nostra portata.”

Il maltempo sull’ultima speciale ha ulteriormente mischiato le carte della graduatoria generale dove però, i due portacolori della Top Rally, hanno saputo tenere a denti stretti la quarta piazza assoluta.

schio(1)Gara in chiaro-scuro anche per Gianluca Saresera che, insieme a Daniel Taufer per la prima volta sulla millesei giapponese, ha vinto la categoria di appartenenza mettendo chilometri di “riscaldamento” in vista del più probante ed importante impegno di trofeo.

Cinquantesimo assoluto, il portacolori della Leonessa Corse ha così commentato: “non contava il risultato ma provare insieme a Daniel la vettura che lui stesso ha trovato davvero agile e formativa; Cremona è alle porte ed è una gara difficile che in passato mi ha dato filo da torcere: non dobbiamo lasciarci cogliere impreparati perché ogni rally è ormai decisivo ai fini della classifica finale.”

Il “Città di Schio” si è corso domenica 10 luglio sulle speciali Monte di malo, ripetuta tre volte, e Santa Caterina.

Comments

comments