14 Views

Non piove da inizio giugno nel parmense, ma la stessa cosa sta accadendo a Pavia, Piacenza e ampie zone del nord, dove il livello del Po é a i minimi storici. Una siccità prolungata che ha causato e sta causando gravi danni alle colture e quindi anche alle imprese agricole del territorio. Per questo il vicepresidente della Provincia di Parma Pier Luigi Ferrari ha avviato l’iter per appoggiare la Regione Emilia Romagna nella sua richiesta al Governo di riconoscere la siccità di quest’estate come evento eccezionale.

La decisione è scaturita in un tavolo convocato questa mattina in Provincia dal vicepresidente Ferrari per fare il punto della situazione delle nostre colture con i rappresentanti delle associazioni agricole, delle Comunità montane, del Consorzio Difesa produzione agricole e dei funzionari del Servizio Agricoltura della Provincia: un incontro da cui è emerso quanto i danni siano ingenti, soprattutto a carico delle coltivazioni di mais, pomodoro e barbabietola, ma anche nelle foraggere e nelle viti.

“La siccità ha creato gravi problemi alle nostre colture, anche se  siamo un po’ più fortunati di altre province. Per questo, dopo aver valutato la situazione, abbiamo deciso di appoggiare la Regione Emilia Romagna nella richiesta di riconoscimento dello stato di eccezionalità dell’evento in modo che si possa attivare il Fondo di solidarietà nazionale: un passo necessario per aiutare le tante aziende colpite – spiega il vicepresidente Pier Luigi FerrariQuesto permetterà infatti alle aziende, se non di essere rimborsate per i danni subiti in considerazione della crisi economica del Paese, almeno di ottenere importanti sgravi fiscali e previdenziali, oltre che il pagamento anticipato della domanda unica”.
Già nei giorni scorsi l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni aveva annunciato che la Regione Emilia Romagna presenterà al governo, insieme a Lombardia e Veneto, la richiesta di “evento eccezionale”.
Per fortuna la siccità sembra avere le ore contare. Dalla giornata di domani 24 agosto sono previsti in arrivo i primi temporali su tutto il nord Italia e la situazione di maltempo si portrarrà per tutto il weekend. Al sud invece, il tempo incomincerà a guastarsi da lunedì.

Comments

comments