31 Views

497919m-diana-krallCantante, pianista, vincitrice di Cinque Grammy® Award: Diana Krall pubblicherà il suo nuovo album per Verve Records il prossimo 9 settembre.  Si intitolerà “Wallflower” ed è una collezione di canzoni che datano dagli anni ’60 fino ai giorni nostri  e che hanno ispirato Diana fin dai primi anni della sua formazione.  Prodotto dal sedici volte vincitore di Grammy® David Foster, l’album rivela una Diana Krall alle prese con nuovo terreno: l’interpretazione di alcune fra le migliori canzoni pop di tutti i tempi.

 

“È stata una piacevole novità trovarmi nella cabina di registrazione, con la sola compagnia del magnifico accompagnamento per pianoforte di David e dei suoi arrangiamenti per orchestra” dice Diana.

 

L’arte di Diana Krall non solo ha fatto di lei uno degli artisti più immediatamente riconoscibili del jazz di oggi, ma ha travalicato i generi musicali. Diana ha venduto più album di qualunque altra musicista di jazz dell’ultimo trentennio, risultando così una vera best-seller fra gli artisti della sua generazione. “Wallflower” è il nuovo capitolo nel suo incredibile repertorio, in cui appone la sua inconfondibile firma ad alcune tra le migliori canzoni della nostra era: “Desperado” degli Eagles, “California Dreaming” dei Mamas & Papas, “Sorry Seems To Be The Hardest Word” di Elton John, “Everybody’s Talkin’” di Harry Nillson, per citarne alcune.

 

“Le canzoni che Diana interpreta sono quelle con cui è cresciuta, ascoltandole alla radio o sui dischi di vinile” dice David Foster. “Ciò che rende quest’album tanto speciale è il modo in cui Diana le reinventa, mettendo corpo e anima in ogni singola sillaba”.

 

Il nuovo album segna la prima realizzazione in studio dai tempi di “Glad Rag Doll” del 2012, prodotto da T Bone Burnett, che debuttò in sesta posizione nella TOP 200 chart di Billboard, nonché in testa alla Jazz Albums chart. Ad oggi, Diana ha vinto cinque Grammy®  Awards, otto Juno®  Awards e ha inoltre conseguito nove dischi d’oro, tre di platino e sette multi-platinum.

Comments

comments