I coupon digitali sono sconti e offerte particolari che le aziende mettono a disposizione, generalmente, attraverso un codice alfanumerico.

L’obiettivo è quello di fidelizzare i clienti già acquisiti e attrarne di nuovi, attraverso uno specifico programma di promozioni a beneficio del consumatore.

In buona sostanza, non hanno nulla di diverso rispetto ai coupon cartacei, se non che sono rivolti principalmente al mercato online.

Alle aziende, però, conviene adottare quelli online per una serie di motivi. Innanzitutto, sono pratici e veloci, distribuibili in tempo reale ai clienti, senza il bisogno di stamparli, e, cosa più importante, le aziende sono in grado di monitorare esattamente il tasso di conversione: quante persone, cioè, lo hanno usato per effettuare un acquisto sul loro sito web.

Ma in tutto questo i clienti cosa ci guadagnano?

Senza dubbio, il risparmio sul prezzo di mercato normalmente proposto e, dovendo lasciare i propri contatti per ottenerlo, la possibilità di restare aggiornati su tutte le promozioni e offerte dei brand del cuore.

Ad adottarlo, infatti, sono molte imprese che vendono online e altrettanti marketplace. Se scopri i coupon digitali di PAYBACK, ad esempio, puoi farti un’idea molto chiara di come funzionano e dei vantaggi riservati anche agli utenti.

Quanti tipi di coupon esistono?

I coupon possono essere essenzialmente di due tipi: cartacei o digitali. I primi li abbiamo visti in molte circostanze. Tra i corridoi di un centro commerciale, all’interno di riviste, dinanzi a un punto vendita di una nuova apertura o durante alcuni periodi dell’anno: sono solo alcuni esempi di luoghi e momenti in cui si possono trovare in giro coupon cartacei.

Come detto, però, i coupon digitali stanno andando per la maggiore e si possono ottenere in diversi modi.

Innanzitutto, possono essere scaricati dal sito del brand di interesse o condivisi tramite e-mail, post social o campagne online mirate.

In altri casi, invece, questi vengono riservati agli utenti che hanno scaricato l’app dell’azienda.

Si possono, ancora, applicare sotto forma di codici sconto, da immettere nel campo dedicato, al momento dell’acquisto.

Anche questi possono essere diffusi tramite i canali social o promossi dai testimonial aziendali.

Infine, gli sconti automatici rientrano nella forma di coupon digitali più rapida e immediata, applicata direttamente all’atto dell’acquisto, senza il bisogno di inserire alcun codice.

Vantaggi per aziende e clienti

Spesso si guarda con diffidenza alle azioni di promozione messe in atto dalle aziende. Si pensa che non facciano l’interesse dei consumatori, ma perseguano l’arricchimento dell’impresa come unico obiettivo. A ben guardare, però, l’interesse economico dell’azienda incontra pienamente anche quello del consumatore che, in questo modo, riesce ad ottenere offerte personalizzate e prodotti o servizi sempre più calzanti con le proprie esigenze.

Riuscire a profilare i consumatori, per l’azienda, vuol dire anche mettere in campo tutti gli interventi necessari per migliorare la propria offerta e per soddisfare in modo più centrato i bisogni del cliente finale.

Dietro l’apparente interesse meramente finanziario, dunque, si cela un’azione di ricerca costante a tutto vantaggio anche dei clienti, non solo in termini di risparmio, quanto anche di convenienza intesa come rapporto tra costi (contenuti) e benefici (sempre crescenti).

Comments

comments