La tecnica della saldatura ad alta frequenza si distingue per la sua pulizia che si caratterizza per l’utilizzo simultaneo di un campo elettromagnetico e di una forza di pressione.

La frequenza utilizzata da questo tipo di processo è di 27,12 MHz e interviene sulle molecole della plastica. Tali materiali, quindi, possono essere saldati a temperature non troppo elevate e permette di ottenere giunzioni che si distinguono per la loro lunga durata nel tempo e per la maggiore sicurezza.

Rispetto a tecniche di saldatura differenti, quella ad alta frequenza consente di ottenere numerosi benefici come, ad esempio, alta resistenza, minore consumo energetico, generazione di fumi e utilizzo di sostanze dannose pari a zero.

Tali fattori consentono di garantire maggiore sicurezza dei lavoratori e il rispetto dell’ambiente che ci circonda. Vediamo, quindi, le principali caratteristiche di questa particolare tecnica innovativa.

Come funziona la tecnica della saldatura ad alta frequenza plastica? Le caratteristiche principali

Questa tecnica rientra nella categoria delle saldature a fusione. Il procedimento, infatti, consente di convertire l’energia di attrito e di vibrazione in calore.

Le oscillazioni a frequenza elevata vengono passate sulle superfici da unire tramite l’apposito sistema di saldatura.

Le piccole fusioni che si generano fungono da barriera alle oscillazioni, così che l’energia delle vibrazioni possano essere convertite in calore che consente di ottenere la fusione dei contorni di saldatura.

Le parti in plastica da unire devono avere un contorno che sia a norma con in requisiti che riguardano la tipologia di materiale.

Naturalmente, è importante affidarsi ad aziende che offrono un servizio professionale, come la saldatura ad alta frequenza plastica Essay Group che offre soluzioni di alta qualità e personalizzate come articoli promozionali, gadget, prodotti tecnici e per packaging.

Il funzionamento della procedura di tipo longitudinale

Un metodo di saldatura ad altra frequenza diffuso è quello longitudinale che serve a saldare pezzi realizzati in materiale plastico.

Questo sistema viene posto in posizione verticale, con le oscillazioni che seguono questa direzione rispetto alle sezioni dei giunti.

Il cilindro ha il ruolo di muovere tutto l’impianto sull’asse di saldatura sopra la parte superiore. Questo procedimento consente di ottenere la giusta pressione.

In cosa consiste il procedimento di tipo torsionale

Questa tipologia di sistema solitamente viene posto in posizione verticale, ma il suo procedimento è particolare e diverso dal solito. Infatti, è una saldatura ad alta frequenza con attrito, con le vibrazioni che vengono effettuate in maniera tangenziale.

Tale caratteristica consente di non generare sollecitazioni, fattore ideale per chi vuole evitare che vengano indotte altre oscillazioni alla procedura di fusione. In questo modo ridurrà nettamente la possibilità di creare dei danni, soprattutto a pezzi delicati.

In quali settori si può applicare la saldatura ad alta frequenza plastica?

Questa tecnica è sfruttabile per ogni tipo di materiale termoplastico. Si può applicare, dunque, al settore dell’automotive, quello tessile e alimentare.

Inoltre, si possono realizzare prodotti per il campo medicale (come ausili sanitari e di primo soccorso), per il settore del benessere e della bellezza, della moda e dell’arredamento (sia per interni che per esterni).

In campo sportivo, invece, questo tipo di saldatura è perfetta per realizzare gonfiabili, oggetti per il divertimento e per gli eventi aziendali. Nel settore del packaging è possibile creare buste, prodotti di imballaggio e di confezionamento.

Infine, questa tecnologia si presta in modo particolare alla produzione di gadget dettagliati e personalizzati, da utilizzare per ogni tipo di evento o di campagna pubblicitaria aziendale.

Comments

comments