41 Views

Si è aperto il 26 settembre il Cersaie, l’appuntamento annuale del Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno. Il discorso di apertura alla manifestazione di Giovanni Savorani, Presidente di Confindustria Ceramica, mette già l’accento sull’argomento di maggiore interesse di quest’anno: l’ecologia e l’impatto energetico dell’industria ceramica. In particolare si parla di rivedere le fonti energetiche attualmente disponibili in Italia e di come sia fondamentale avere un piano di controllo dell’energia per garantire le produzioni del settore. Ecco allora che le aziende si stanno già adattando da tempo per rendere il funzionamento delle aziende sempre più green. Al Cersaie 2022 quindi vengono presentati materiali dal basso impatto ecologico e messe nere su bianco le risorse necessarie per la produzione di alcune tipologie di piastrelle. Uno dei materiali considerati più ecologici infatti, è proprio il gres porcellanato, materiale amato e scelto da molti italiani per pavimenti e rivestimenti. Vediamo allora quali novità in fatto di collezioni, hanno presentato alcuni dei grandi produttori italiani di piastrelle in gres porcellanato.

Le collezioni di gres porcellanato presentate da Casalgrande Padana

Anche quest’anno al Cersaie 2022 espone Casalgrande Padana, azienda italiana rinomata per la produzione di piastrelle in gres porcellanato effetto pietra. Sono due le collezioni di gres effetto pietra che si aggiungono alla produzione dell’azienda. Con la prima, Stile, Casalgrande presenta delle piastrelle che ricordano la pietra grezza, in sfumature di colore naturali che vanno dal nero al bianco sporco, passando per il beige e il grigio chiaro. L’eleganza di queste piastrelle le rende versatili e adattabili a diversi tipi di arredamento da quello più moderno al boho. Sempre in fatto di gres porcellanato effetto pietra, Era, è l’altra collezione presentata da Casalgrande Padana. Stavolta l’idea di base è la creazione di una continuità tra l’ambiente esterno e quello interno. I colori infatti sono neutri e virano sempre sulle tonalità di grigio, crema e bianco ma stavolta presentano delle venature di colore tono su tono. L’azienda sottolinea ancora una volta come il gres sia un materiale ecologico che strizza l’occhio alla sensibilità green ormai fondamentale in tutti gli ambiti produttivi. Le altre collezioni di Casalgrande riguardano invece il gres effetto legno, English Wood e Fusion, il gres ispirato al metallo. In particolare un metallo ossidato che ricorda il rame e il ferro e ne riprende infatti anche le tonalità di colore. English Wood invece propone una riproduzione su gres del legno di rovere declinato in diverse tonalità di marrone chiaro sia in toni freddi che più caldi.

Cotto D’Este al Cersaie 2022 tra sostenibilità e innovazione

Cotto D’Este, un altro grande nome del gres porcellanato, coglie l’occasione del Cersaie 2022 per presentare la sua nuova collezione, Pura. Come nel caso di Casalgrande, anche Cotto D’Este si ispira alla pietra naturale “limestone” per creare delle piastrelle eleganti dalla struttura a grani. Anche i colori sono quelli delle pietre naturali: avorio, sabbia e tonalità di grigio convogliano il messaggio pensato dall’azienda: la natura è un elemento che crea eleganza. L’obiettivo però è anche quello di creare degli spazi di continuità tra l’interno e l’esterno. Queste piastrelle infatti sono state pensate in una moltitudine di finiture e dimensioni e pertanto riescono ad adattarsi a spazi ampi come a quelli più piccoli che siano all’interno o all’esterno. Anche Pura è disponibile nella versione Kerlite, la linea di piastrelle ultrasottili e di grandi dimensioni che propone l’azienda. Kerlite però è anche una delle tipologia di piastrelle più ecologica al mondo al momento. L’azienda ha infatti ridotto lo spessore delle mattonelle Kerlite a 3,5 mm riducendo così drasticamente il consumo di acqua necessaria per la produzione e anche il fabbisogno di energia. Di conseguenza anche le emissioni del prodotto saranno meno rispetto alle piastrelle in gres tradizionali. La sottigliezza però non ne compromette la durabilità e la resistenza. Cotto D’Este infatti ha pensato di rinforzare le lastre con della fibra di vetro per rendere anche Kerlite durevole nel tempo.

Self Style: piccole piastrelle per un grande effetto ottico

Il colore è al centro della produzione di piastrelle di Self Style. Le piccole forme geometriche sono quelle che dominano le composizioni create con i prodotti dell’azienda. Quadrati e rettangoli colorati che si alternano al bianco e al nero, disponibili sia in una finitura lucida che opaca. Le pareti rivestite dalle piastrelle bianche lucide ricreano le atmosfere delle antiche stazioni di Parigi riportando un po’ la mente al passato. I mix di colore invece rendono giocoso e unico un ambiente per un effetto decorativo inaspettato e anche inusuale. Le piccole piastrelle a tinta unita rosa o verdi invece, nella finitura lucida, rendono raffinato qualsiasi ambiente e accompagnano con grazia l’arredamento.

Comments

comments