536 Views

Un centro di eccellenza che non valorizza le eccellenze, la Marina Militare intervenga

Da giorni si parla della vicenda legata allo Smart working sviluppatasi al Centro di Supporto e Sperimentazione Navale (CSSN) dove si è palesata un’ingiustificata regressione nell’organizzazione del lavoro malgrado le indicazioni governative che avrebbero voluto puntare invece su una rapida modernizzazione e spinta per l’innovazione tecnologica.

Ormai è ben noto che nel sito del CSSN sta nascendo il Polo Nazionale della Dimensione Subacquea, una struttura che dovrà essere in grado di accentrare le più brillanti professionalità, in campo nazionale ed internazionale necessarie per poter proiettare tecnologicamente il mondo subacqueo verso il futuro.

In tal senso in un recente incontro tra le Organizzazioni Sindacali Territoriali e la Direzione del Centro, l’Ammiraglio Cristiano Nervi mostrava particolare interesse verso la ricerca di entità di spicco per le finalità del Polo; presto però scopriamo che il CSSN è popolato di figure d’eccellenza con professionalità di alto livello, che a quanto pare non vengono opportunamente valorizzate.

A destare curiosità quanto stupore è stato il caso del Funzionario Tecnico Alessandro Collevecchio, dipendente del CSSN, che nel mese di maggio ha ricevuto il prestigioso premio “Franco Lezzi” dall’Istituto Italiano di Saldatura: il premio viene assegnato dall’Istituto agli allievi che hanno ottenuto i migliori risultati negli esami di Qualificazione per figure professionali di Coordinamento Tecnico e/o Ispezione in accordo alle Linee Guida dell’International Institute of Welding.

In particolar modo il Funzionario, in occasione di un lungo ed articolato percorso di formazione finalizzato ad ottenere la qualifica di Ispettore Internazionale di Saldatura, nell’anno 2022 si è particolarmente distinto per competenze tecniche, risultati ottenuti nei diversi esami teorico-pratici, passione e padronanza della materia, al punto da catturare l’attenzione degli esperti dell’Istituto ed essere poi proposto per l’attribuzione del suddetto premio. La cerimonia di consegna ha avuto luogo in occasione delle “Giornate Nazionali di Saldatura (GNS)” presso il Porto Antico di Genova; circostanza, quella del Congresso, che ha dipinto quella cornice di gratitudine, rispetto, riconoscenza nei confronti di tutti i premiati, a vario titolo, di fronte a migliaia di esperti nel settore che hanno preso parte al Congresso.

Curiosità e stupore derivano dal fatto che il CSSN, di fronte ad un evento del genere, dove un suo dipendente ha ricevuto un prestigiosissimo premio, abbia mostrato fredda indifferenza, anche se è innegabile che la premiazione di un Funzionario del Ministero della Difesa inserita nella cerimonia di apertura di un evento della portata del GNS abbia portato lustro a tutto il dicastero, compreso il CSSN.

Sarebbe auspicabile che, oltre a ricercare all’esterno le spiccate professionalità, si faccia tesoro anche di quelle che se ne ha già piena disponibilità.

Comments

comments