3172000L’irruzione violenta di una squadra di polizia in un piccolo appartamento alla periferia di Stoccolma causa la morte di un giovane profugo sudafricano. Rientrato in servizio dopo una lunga assenza, è Dag Lundmark a guidare la retata, ed è lui a fare fuoco. Ma era davvero necessario uccidere? Tocca a Paul Hjelm e Kerstin Holm interrogare il collega e fare luce sulla vicenda, un compito tutt’altro che semplice per Kerstin, considerando che, in un tempo lontano che le ripiomba addosso senza preavviso, lei e Dag erano stati una coppia. L’anello che porta ancora al dito è rimasto a sigillo di un legame tormentato che inutilmente ha cercato di cancellare. Il mondo dell’immigrazione clandestina è il punto di partenza per un’indagine che, passando per un misterioso pluriomicida, porta alla ricerca non proprio convenzionale condotta da una ditta farmaceutica all’avanguardia e procede senza tregua sulle tracce di qualcuno che, in una sorta di crociata dai toni biblici, insegue un’oscura idea di giustizia. In un thriller psicologico di grande tensione, Arne Dahl continua la sua personale indagine sui lati oscuri della società contemporanea con i suoi complessi interrogativi morali: nel mondo globalizzato, l’élite di poliziotti che compone il Gruppo A deve confrontarsi con crimini che sempre più spesso nascono dall’incapacità di sostenere trasformazioni troppo radicali e repentine e, ancor più, da un profondo senso d’inadeguatezza. Nell’ingannevole idillio dell’estate nordica, il nuovo caso li costringerà a studiare a fondo una parte inquietante delle Sacre Scritture e a scoprire tra quelle pagine che, se l’amore può essere forte come la morte, è dall’amore tradito che nasce l’ira più furiosa.
Il nuovo romanzo di Arne Dahl sarà in tutte le librerie dal 19 novembre!

Comments

comments