Fortunatamente solo tanta paura per gli abitanti di Mestre, nel Comune di Venezia, quando ieri sera (sabato 9 febbraio), intorno alle 20.30, un fortissimo boato ha fatto letteralmente tremare la città.

Preceduto da un luminoso e breve lampo di luce, l’assordante rumore ha fatto immediatamente pensare ad una violenta esplosione. Alcuni hanno immaginato la caduta di un aereo, vista la vicinanza dell’aeroporto. Molte persone che si trovavano in macchina hanno accostato frastornate per realizzare cosa stesse accadendo. Numerose le chiamate ai vigili del fuoco. Nelle abitazioni vetri tremanti e problemi all’elettricità con qualche black out.

Il boato é stato causato da un rarissimo fenomeno naturale, il cosiddetto “temporale di neve”, quasi mai verificatosi in Italia, dovuto all’incrocio di aria gelida con una corrente più calda. Dopo il primo forte tuono, infatti, sulla città si é scatenata una nevicata che poi si é trasformata in acqua-neve in poco tempo.

Qualche successivo tuono più debole ha poi “tranquillizzato” gli abitanti che non si trattava di esplosione o incidente. La paura e lo spavento hanno quindi lasciato spazio all’incredulità per lo strano e rarissimo fenomeno.

SP

Comments

comments