capelliSono sempre più gli uomini italiani che si rivolgono alla chirurgia estetica per apportare migliorie al proprio aspetto. Si parla nello specifico di capelli e di trapianto, una scelta che parte dal desiderio di non rassegnarsi a diventare calvi.

Per anni la scienza non ha portato grandissime soluzioni per tutti quegli uomini, e sono tanti, che perdono i capelli gradualmente fino a diventare del tutto calvi. Si dice sempre che sia una questione ereditaria e che se si è predisposti non ci sia molto da fare. E in parte è certamente così.
Negli ultimi anni la scienza ha effettuato notevoli passi in avanti arrivando a poter garantire un ventaglio di soluzioni a chi perde i capelli. Ad oggi il rimedio definitivo prende il nome di trapianto di capelli.
Un’offerta che è diventata ampia in tutta Italia dove i centri che offrono questo tipo di trattamento si sono letteralmente moltiplicati. Chi volesse ad esempio trovare la lista dei centri a Milano può visitare il link indicato.
Oggi un trapianto di capelli può regalare ottimi risultati dal punto di vista estetico, ma da solo non basta. Si tratta di una tecnica ormai ampiamente sperimentata ma che presenta ancora piccole zone d’ombra, qualche limite che deve essere ancora superato.
Fondamentale è che il trapianto venga eseguito nel momento giusto, non quando la situazione è ormai compromessa; così una buona parte dei pazienti che hanno sperimentato tale intervento afferma di aver tratto effettivi giovamenti estetici per i primi 2 o 3 anni; salvo poi notare un nuovo diradamento.
Il trapianto di capelli è noto anche come auto trapianto perché si vanno a prelevare unità follicolari dalla nuca, a seconda della densità per centimetro quadrato e della lunghezza, e le si impiantano nella zona dove la presenza di capelli è minore. Quasi sempre la parte alta della testa.
Da precisare che l’auto trapianto è un intervento di chirurgia vero e proprio tramite il quale si vanno a prelevare bulbi geneticamente protetti; e che richiede quindi tutte le accortezze tipiche di qualsiasi altro intervento chirurgico. Si parla quindi  della necessità di un’equipe di figure professionali per garantire il buon esito dell’intervento, dall’anestesista ad infermiere professioniste e specializzate in chirurgia della calvizie.
Importante poi sapere che non tutti i pazienti possono sottoporsi all’intervento di autotrapianto: dipende anche dal grado di diradamento o di calvizie. In alcuni casi intervenire chirurgicamente può addirittura compromettere l’esito finale e comunque l’intervento è sempre l’ultima soluzione dopo aver provato con  mesoterapia e utilizzo di integratori con lo scopo quello di aumentare la componente vascolare.
Solitamente può bastare anche un solo intervento, tuttavia non sono rari i casi nei quali si deve intervenire nuovamente quando la densità della zona donatrice non garantisce un livello adeguato di unità follicolari.
Un intervento sempre più richiesto e anche piuttosto costoso; il prezzo per un trapianto di capelli si aggira tra i 4mila e i 6mila euro. Ma d’altra parte i tempi sono cambiati e al giorno d’oggi l’aspetto estetico è diventato un fattore da curare ad ogni costo per aumentare la sicurezze in se stessi e anche per avere più riscontri dal mondo esterno.

Comments

comments