La Giornata mondiale contro l’AIDS, indetta ogni anno il 1º dicembre, è dedicata ad accrescere la coscienza della epidemia mondiale di AIDS dovuta alla diffusione del virus HIV. Dal 1981 l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone, diventando una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi.
LA SITUAZIONE
I dati epidemiologici riguardanti la Regione Piemonte pubblicati dal SEREMI (Servizio Epidemiologico Regionale) sulla diffusione dell’infezione HIV/AIDS continuano a non essere rassicuranti. Dal 1999, circa 4.000 persone, che vivono in Piemonte, 300 all’anno hanno scoperto di aver contratto l’infezione da HIV. Nel 2011, le nuove diagnosi di infezione da HIV sono state in totale 262, le diagnosi di malattia (AIDS) sono state 68.
Il numero di nuove diagnosi da HIV in Piemonte e i relativi tassi di incidenza sono costanti, con una riduzione solo nell’ultimo anno. Nel 2011, tra i nuovi casi di diagnosi di infezione da HIV/AIDS, i maschi rappresentano circa il 74% del totale. L’infezione da HIV/AIDS in Piemonte, così come a livello nazionale ed europeo, si trasmette per via sessuale in 3 casi su 4. E’ ancora molto alto in Piemonte il numero di persone che nella nostra regione arrivano troppo tardi alla diagnosi, o perché già in AIDS conclamato, o perché l’infezione HIV è progredita al punto da compromettere il successo delle cure. Nel 2011, il 36% delle persone con nuova diagnosi di HIV ha effettuato la diagnosi in ritardo.
Tra le nuove diagnosi (uomini) aumentano significativamente i dati relativi a infezione da HIV tra gay/bisessuali. E proprio tra le nuove diagnosi da HIV risulta una prevalenza tra i giovani gay o bisessuali (2/3) con un età inferiore a 24 anni. Bisogna considerare però che la popolazione gay e bisessuale è stata nel tempo più sensibilizzata di quella eterosessuale, pertanto è quella che effettua più test presso i centri specialistici per le infezioni sessualmente trasmissibili della Regione. In media la popolazione gay/bi arriva prima alla diagnosi rispetto alla popolazione eterosessuale.
LE INIZIATIVE
A tal fine Arcigay “Ottavio Mai” di Torino, da gennaio, inizierà una serie di interventi formativi sull’educazione sessuale nelle scuole Superiori di Torino e Provincia, in collaborazione con il CeSeDi della provincia di Torino, sotto il coordinamento della Consulta per la Laicità delle Istituzioni. Affronterà in particolare le diverse vie di trasmissione delle malattie sessualmente trasmissibili, la loro manifestazione, la diagnosi e il corretto comportamento da tenere verso il partner. Arcigay continua la propria attività d’informazione sanitaria verso i più giovani iniziata con un percorso sempre nelle scuole superiori con Anpas Piemonte.
La notte del 30 dicembre Arcigay Torino, con le altre associazioni del Coordinamento Torino Pride, parteciperà alla serata LA NOTTE DEL NASTRO ROSSO : apertura straordinaria notturna all’Amedeo di Savoia. Dalle ore 21 di venerdì 30 novembre 2012 apertura notturna straordinaria degli Ambulatori del Padiglione C Rudigoz, sino alle 6 del mattino successivo, per un accesso in orario informale al counseling infettivologico, al test rapido HIV e ai test per infezioni sessualmente trasmesse. Arcigay Torino sarà presente con il proprio banchetto e il materiale informativo.
In occasione del 1° dicembre 2012, dalle 17 alle 19, Arcigay “Ottavio Mai” svolgerà per i propri soci e socie, e per chiunque sia interessato, presso il Circolo Ricreativo Arcigay  “Sauna 011” di via Messina 5d (Sala Rossa), un incontro informativo  e di approfondimento su HIV/AIDS: situazione Regionale, antivirali esistenti, prospettive future, testimonianza e altro ancora;  a seguire  l’ aperitivo ALTRA SPONDA presso il bar Zero di Via Vanchiglia 0 angolo Piazza Vittorio, con giochi e premi per raccogliere fondi per le future campagne sulla salute.
Le iniziative per il primo dicembre non terminano qui: sempre il 1° dicembre l”Associazione aderisce alla manifestazione organizzata dall’associazione Tesso con la Circoscrizione 5, l’evento si terrà dalle 15 alle 18 in via Giachino 55/a; il 4 dicembre 2012 Arcigay Torino proietterà, per i propri soci presso il Circolo Ricreativo Arcigay “Sauna 011” Sala Rossa, il film “Loggerheads”, scritto e diretto da Tim Kirkman. Ingresso consentito con tessera Arcigay.
Da febbraio Arcigay “Ottavio Mai”, per cercare di sensibilizzare ulteriormente la popolazione gay e bisessuale al controllo periodico diagnostico HIV/AIDS, svolgerà presso i luoghi di aggregazione un nuovo test salivare HIV, con la speranza di arrivare ai soci che non hanno mai effettuato un test o che non sono consapevoli della propria situazione sierologica. L’iniziativa si colloca in un progetto più ampio di sperimentazione di un intervento per favorire la diagnosi tempestiva dell’infezione da HIV attraverso l’offerta attiva di test rapido salivare portato avanti dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani con la collaborazione di Lila, Anlaids, Arcigay, Caritas, Circolo Mario Mieli, CNCA, Forum AIDS Italia.

Comments

comments