Si è chiusa nella notte di ieri (in Italia), la sedicesima e terzultima giornata del Clausura della Liga Primera nicaraguegna.

Tante sorprese e tante polemiche per una giornata che potrebbe aver detto qualcosa di importante per le posizioni di testa, ecco i risultati nel dettaglio:

12 aprile:

ore 00:00

Art Jalapa – Diriangen 0-0
CD Las Sabanas – Managua FC 0-1

ore 02:00
Juventus Managua – Real Madriz 3-0 (a tavolino)

ore 23:00
Chinandega – Real Estelí 1-3

13 aprile

00:00
CD Ocotal – Walter Ferretti 0-1

La lotta per il primato

Il Diriangen secondo in classifica, frena bruscamente a Jalapa e perde in un sol colpo contatto con la vetta (scivolando a -5) e secondo posto, subendo l’aggancio a 31 punti del Real Estelí impostosi 3 a 1 in casa del Chinandega, in una gara chiusa nella ripresa con 2 goal nel giro di 60”.

Sorridono i leoni dell’FC Managua che hanno regolato il CD Las Sabanas con uno striminzito 0-1: la gara sembrava essersi subito messa in discesa per i capitolini in vantaggio dopo meno di minuto dal via: Agenor Baez batte un corner basso dalla destra, i padroni di casa si dimenticano di Marel Alvarez ed il centrale appoggia comodo in rete! Da lì però una gara scorbutica, con tanti duelli a centrocampo e tanti falli (i leones chiuderanno con 19 falli fatti e 4 ammoniti, 10 falli e 2 gialli per i padroni di casa) ma poco spettacolo (giusto una punizione insidiosa del dinamico Baez al 23′ da mettere a referto). Nella ripresa il Las Sabanas ha iniziato con maggior piglio: Leo Gonzalez mette fuori dopo 2 minuti su azione d’angolo, un minuto dopo i padroni di casa chiedono un rigore per un presunto fallo di mani di Marel Alvarez ma lo ottengono al 51′: fallo di mani in area di Rigoberto Fuentes, dal dischetto va Leo Gonzalez, ma Lester Acevedo vola alla sua sinistra e festeggia in anticipo la giornata internazionale del portiere (il 14 aprile) respingendo il rigore! Il pericolo scuote il Managua: una punizione dalla limite dell’area del capitano Christiano imbecca Nahum Peralta in area, ma il numero 23 non centra il bersaglio. La gara scema di intensità, da segnalare soltanto un’occasione per Pablo Gallego (al 70′) su cui salva il portiere di casa Mosquera e la migliore occasione degli ospiti: azione personale di Gallego (quasi assente lo spagnolo nel primo tempo) che sfugge ad Anner Lopez ma la sua conclusione di giustezza dal limite dell’area piccola va fuori di poco! All’89’ rischia grosso Christiano: tocca con il braccio il pallone al limite dell’area, l’arbitro Nitzar Sandoval fischia la punizione ma risparmia al centrocampista brasiliano il secondo giallo e quindi l’espulsione, nonostante le proteste della panchina del Las Sabanas. Il risultato non cambia più e regala 3 punti pesantissimi al Managua: 3 punti che vogliono dire +5 sugli inseguitori nel Clausura ma anche l’aggancio al Diriangen in testa nella classifica generale, a pari punti ma con una migliore differenza reti.

Le Altre Gare

Serve un gol dell’argentino Leandro Figueroa per sbloccare una gara che per il Walter Ferretti si stava facendo complicata in casa del fanalino Ocotal (che chiudono il match in 10 uomini).

Caos totale in Juventus ManaguaReal Madriz: gli ospiti, in piena bagarre per non retrocedere, hanno lasciato il campo al 71′ dopo il raddoppio dei padroni di casa: al minuto 66 durante l’azione incriminata il guardalinee aveva segnalato un fuorigioco, le Merengues si sono fermate ignorando che il direttore di gara aveva fatto segno di proseguire permettendo ad Allan Mercado di segnare facilmente. Da lì le proteste e poi la decisione di non proseguire il match che ha significato il 3-0 a tavolino per la Juventus.

Ma non ci sarà spazio per troppe discussioni, nella notte tra mercoledì e giovedì, la Primera Liga torna già in campo!

Comments

comments