“Siamo solidali con le famiglie italiane colpite dal terremoto che stanno vivendo momenti di grande difficoltà e riteniamo doveroso l’intervento dello Stato in loro favore”. E’ quanto ha affermato Martino Landi, Presidente della Faib, l’Organizzazione dei gestori di Confesercenti, commentando l’aumento delle accise deciso dal Consiglio dei Ministri.

“Quello però che ci lascia perplessi – ha aggiunto – è il fatto che ancora una volta, come accade in ogni situazione d’emergenza, si sia fatto ricorso ad aumenti a carico del prezzo dei carburanti che già sopportano il livello di tassazione più alto d’Europa. In un momento così critico per l’economia nazionale, il rischio è che l’ulteriore rincaro del prezzo della benzina peggiori lo stato di sofferenza del sistema produttivo e dei consumi interni. La politica della coperta troppo corta che copre da una parte e scopre dall’altra – ha concluso Landi – non può funzionare a lungo. Il Governo dovrebbe cominciare ad orientarsi su ipotesi di intervento alternative agli incrementi del prezzo dei carburanti”.

Comments

comments