ospedale-terni-ricerca(di Sara Passante) Nelle due aziende sanitarie italiane, l’ospedale Santa Maria di Terni e l’ospedale Sandro Pertini di Roma, procede con successo la sperimentazione dell’innovativo studio ‘Esinodop’, ‘Early Sleeve gastrectomy In New Onset Diabetic Obese Patients’, per la cura del diabete di tipo 2 in pazienti obesi, attraverso una chirurgia bariatrica mininvasiva.

Esinodop è uno studio clinico, eseguito a random, no profit, co-finanziato dall’azienda ospedaliera di Terni e dal centro di ricerca statunitense della ‘Johnson&Johnson’ di Cincinnati, Ohio, presso cui i ricercatori dell’ospedale di Terni si sono aggiudicati un grant di ricerca competitivo milionario.

Gli elementi più innovativi dello studio stanno nel fatto che, partendo da ipotesi fatte dai ricercatori, guidati dal dottor Amilcare Parisi e dal dottor Giuseppe Fatati di Terni e dal professor Sergio Leotta di Roma, e sostenute anche da recenti scoperte scientifiche, questo studio ha l’intento di investigare l’efficacia della chirurgia mininvasiva dell’obesità nella cura del diabete mellito di tipo 2, mettendola a confronto con una terapia medica intensiva in pazienti obesi di recente diagnosi, non più di 8 mesi dall’ingresso nello studio, e che non hanno ancora sviluppato alcuna complicanza legata alla malattia diabetica.

Complessivamente, in Italia, parteciperanno allo studio 100 soggetti, tra i 20 e i 65 anni, di entrambi i sessi, 50 per ciascuno dei trattamenti messi a confronto. La durata dello studio sarà di 6 anni per paziente, mentre la ricerca e il reclutamento di pazienti, per la partecipazione allo studio, avrà una durata di 3 anni. Questo non esclude che, qualora i pazienti lo desiderino, potranno continuare ad essere curati dagli stessi medici anche dopo la fine dello studio.

Fino ad oggi sono stati trattati 10 pazienti. Sia quelli sottoposti a cure mediche intensive che quelli trattati con chirurgia dell’obesità hanno interrotto l’assunzione di farmaci antidiabetici, o comunque ottenuto importanti benedici sia nel controllo della malattia che nella perdita di peso.

Ad Ottobre il dottor Amilcare Parisi, ‘principal investigator’ dello studio, e il dottor Stefano Trastulli, investigatore del team di ricerca, parteciperanno al congresso mondiale sull’obesità e le malattie metaboliche ‘Obesity Wee’, a New Orleans, negli Stati Uniti, per parlare, con i principali esponenti mondiali di questo tipo di ricerca, dei progressi e dei risultati finora raggiunti nello studio ‘Esinodop’

Amilcare Parisi afferma: «L’ospedale di Terni, grazie allo studio ‘Esinodop’ e alla sua attività clinica e chirurgica per la cura di obesità e diabete, è diventato uno dei centri di riferimento in Italia per la cura dell’obesità e del diabete tipo 2 e tengo a ricordare che si tratta di una ricerca totalmente no profit vincitrice di un premio in competizione con altri progetti a livello mondiale, per la quale è stato firmato un apposito contratto, basato sulla normativa italiana, che testimonia una completa indipendenza ed autonomia, sia scientifica che economica, del team di ricerca rispetto allo sponsor».

Comments

comments