snowden 2( di Giuseppe La Rosa ) Mancano ormai pochi giorni all’uscita del film Snowden, la pellicola co-scritta e diretta da Oliver Stone, con protagonista Joseph Gordon-Levitt che interpreta l’ormai famosissimo tecnico informatico Edward Snowden.

L’hacker, ex dipendente della Central Intelligence Agency (CIA), ritenuto il responsabile della fuoriuscita di informazioni governative dell’intelligence americana, tra cui il programma di intercettazioni telefoniche.

La pellicola si rifà a due libri: The Snowden Files, di Luke Harding, e Time of the Octopus, di Anatoly Kucherena, che raccontano la storia di Snowden da quando lavorava per la Cia fino al momento della diffusione delle informazioni riservate sulle attività illegali di controllo dei cittadini americani.

La trama del film vede proprio la figura di Edward Snowden, prima di diventare famoso nel mondo quando era una giovane recluta delle Forze Speciali.  Il film inizia, infatti, dal 2004 e ripercorre nove anni di carriera di Snowden nei servizi segreti Usa.

Durante una mattina dell’estate 2013, il tecnico entra nel suo ufficio nella sede delle Hawaii con  una chiavetta Usb sui cui trasferire i documenti che poi invierà ai giornalisti di Hong Kong. In  modo da rendere pubblici i meccanismi messi in atto dai sistemi di sicurezza Usa.

Dopo aver compiuto tale atto Snowden passa alla Storia come l’uomo che ha diffuso al mondo intero le misure di sorveglianza di massa delle comunicazioni della Nsa statunitense e delle altre agenzie.

“È vero, tra la sua e la mia storia ci sono analogie. Come Snowden sono cresciuto conservatore, poi mi sono arruolato e sono rimasto scioccato da quello che il mio Paese ha fatto in Vietnam e poi in Nicaragua.  Non riuscivo a capire… e ho iniziato a fare film”.  Così a Roma, il regista del film Oliver Stone con la sua grinta ha presentato Snowden. Poi ha dichiarato:

“Siamo tutti schedati e potenzialmente sospettati, vittime di un sistema mondiale da cui dobbiamo imparare a difenderci. Ci sono cose che oggi non sono reato, ma che potrebbero diventarlo in futuro. Il mio consiglio è tenere gli occhi aperti. Non è vero che l’obiettivo dello spionaggio sia sconfiggere il terrorismo, la verità è che l’osservazione continua di tutto e tutti serve a tenerci sotto controllo”.

Durante l’intervista ha poi affermato ai giornalisti come all’uscita del film in America avesse avuto molte critiche negative e altre favorevoli. “Quello che si può fare con un film è limitato, non mi attribuisco la parte dell’attivista”.

Il budget speso per realizzare il film è stato di 40 milioni di dollari. Oltre a protagonista Joseph Gordon-Levitt altri attori presenti sono:  Nicolas Cage, Shailene Woodley, Scott Eastwood, Timothy Olyphant, Zachary Quinto, Joely Richardson, Tom Wilkinson, Melissa Leo, Rhys Ifans, Ben Schnetzer, Jaymes Butler. Il film sarà nelle sale italiane dal 24 novembre.

 

Comments

comments