penumaticiLa stagione invernale si avvicina e le strade italiane iniziano a essere ricoperte sempre più spesso da una coltre nevosa, ma non tutti sanno che insiste già da molto tempo l’obbligo di montare, almeno su alcune strade, le gomme da neve; come ci ricorda Mario Pieve di gomme-auto.it si tratta di “gomme la cui trazione, in virtù della loro mescola e del loro disegno del battistrada, aumenta a temperature basse ed in presenza di neve o nevischio”.

La norma legislativa che è stata introdotta dall’articolo 6 del codice della strada, presente dalla legge n.120 del 29 luglio 2010, lascia comunque ai gestori delle strade l’incombenza di decidere la data esatta, cosa indispensabile soprattutto su quelle strade in cui il clima rigido anticipa la presenza della neve. In tale contesto è buona norma prendere visione degli obblighi locali, e comunque tener presente indicativamente che le date in cui le gomme da neve devono essere montate tendenzialmente vanno dal 15 novembre 2017 al 15 aprile 2018.

Da sottolineare comunque che viene data la possibilità di tenere a bordo le catene, in deroga alla sostituzione delle gomme, tale deroga è stata pensata per permettere l’attraversamento di strade soggette a neve anche a automezzi che di solito permangono in zone in cui tale obbligo non insiste. La data come ogni anno è solamente indicativa visto che viene data all’automobilista la possibilità di avere la tolleranza di un mese, questo significa che fino al 15 Dicembre non si incorre in nessuna sanzione se non si hanno le gomme da neve montate su strade che lo prevedono, e che le stesse gomme possono essere lasciate montate fino al 15 Maggio.

Ma cosa sono veramente le gomme invernali?

Le gomme invernali sono delle speciali coperture conosciute anche con il nome di gomme termiche. La mescola di costruzione del copertone assicura un elevato grip stradale anche a temperature molto basse, di solito inferiori ai dieci gradi centigradi. Il disegno del battistrada inoltre è studiato in maniera specifica per esasperare l’aderenza sulla neve, e espellere velocemente l’acqua che lo scioglimento della stessa neve produce nelle ore diurne. Gli studi effettuati hanno evidenziato che l’utilizzo delle gomme da neve riduce considerevolmente lo spazio di frenata, riduzione che va dai cinque metri con asfalto bagnato ai tredici con asfalto in presenza di ghiaccio (a una velocità di 30 km/h). Inutile sottolineare come una frenata piu breve può permettere di evitare molti incidenti, gli studi in tale contesto evidenziano per questo motivo un abbattimento degli incidenti superiore al trenta per cento, durante l’utilizzo di gomme termiche. Il processo di costruzione della gomma implica comunque un maggiore consumo del battistrada quando esso è utilizzato sull’asciutto e una maggiore rumorosità durante il rotolamento, tutte cose che consigliano il cambio ruota nel periodo estivo. È buona prassi infatti avere due treni diversi, stante anche il fatto che la gomma viene posizionata sullo stesso cerchione fornito con l’auto. Tutte le gomme da neve riportano sulla spalletta delle sigle specifiche, le più comuni sono le lettere M+S che si rifanno al lessico inglese Mud e Snow, cioè fango e neve, altre riportano l’immagine di una cima montuosa e altre ancora un fiocco di neve, in quest’ultimo caso la gomma è specificatamente progettata e costruita per l’utilizzo su strade innevate.

Le date e le multe.

Difficile in questo momento dell’anno fornire le date esatte per l’inizio della norma, tendenzialmente e rifacendosi agli anni passati quasi tutte le regioni italiane confermano la data indicata dalla norma nazionale, perciò sarebbe buona norma iniziare a controllare le proprie coperture invernali, o in caso di mancanza adoperarsi per l’acquisto delle stesse. Ai concessionari delle strade comunque incorre l’obbligo di segnalare in maniera univoca la data in cui le gomme invernali sono obbligatorie, di solito in tale contesto viene attrezzata idonea cartellonistica stradale, che viene posizionata all’inizio della strada soggetta a precipitazioni nevose. Per quanto riguarda le multe che gli agenti irroreranno in caso di mancata ottemperanza dell’obbligo, anche esse sono variabili in tipo alla strada, si va dai 41 euro per chi viene sorpreso alla guida all’interno dei centri urbani, agli 84 euro per chi non ha le gomme mentre percorre una strada extraurbana. In caso invece di guida senza gomme da neve sulle autostrade nazionali, la multa va da un minimo di 80 euro a un massimo di 318 euro, come per tutte le altre multe vi è la possibilità di pagare il 30% in meno nel caso di pagamento entro cinque giorni. Il codice della strada prevede inoltre la decurtazione di tre punti dalla patente. Molto peggio potrebbe però andare a chi viene sorpreso alla guida di una vettura che monta gomme invernali dopo la scadenza del termine, soprattutto se esse hanno un indice inferiore a quello segnato sul libretto di circolazione, in quel caso il verbale va da 422 a 1.682 euro, e vi è anche come sanzione accessoria il ritiro del libretto di circolazione, e il successivo invio dell’auto a un centro di revisione.

Le alternative alle gomme invernali.

Coloro che non vogliono avere il pensiero di procedere al cambio delle gomme possono optare per le gomme denominate all-season, gomme sicuramente meno performanti nel periodo estivo ma con una maggiore trazione rispetto alle gomme normali nel periodo invernale. Sconsigliato invece il montaggio delle catene, l’opzione che legislativamente è permessa, porta alla scomodità di effettuare materialmente la copertura delle ruote con i mezzi antisdrucciolo, cosa non solo scomoda ma anche limitativa sotto il punto di vista prestazionale, stante il fatto che con le catene montate la velocità massima non può superare i quaranta chilometri orari. Il costo di una gomma da neve è in linea con una buona gomma estiva, esso di solito non supera mai i cento euro a copertone, in tale contesto molte sono le offerte presenti sul web, offerte che a volte prevedono finanche la spedizione gratuita, e il montaggio presso autofficine convenzionate.

Comments

comments