E’ partito questa sera dall’OktoberfestTrento, il tour del nuovo album di Ruggero de I Timidi “Giovani Emozioni”. Il concerto al Teatro Tenda di Trento è stata la prima assoluta del nuovo show comico e musicale di RUGGERO DE I TIMIDI & BAND.

Le prossime date confermate del “Giovani Emozioni tour 2018/2019”

13 ottobre – PADOVA @Hall

19 ottobre – ROMA @Largo Venue

20 ottobre – TAVAGNASCO (TO) @Tavarock

26 ottobre – TREVISO @Home Rock Bar

27 ottobre – BRESCIA @Latte +

10 novembre – FABRIANO (AN) @Sonic Room

23 novembre – PARMA @Campus Industry Music

24 novembre – FIRENZE @Flog

Il tour è dedicato al nuovo album di Ruggero de I Timidi, “Giovani Emozioni” e segna la svolta cantautorale del “crooner timido”, che dopo aver toccato i generi musicali più disparati ha deciso di lavorare a un omaggio al meglio della musica italiana, realizzando un gioco di rimandi e citazioni che spaziano, fra gli altri, da Battisti a Battiato, da De Gregori a Rino Gaetano.
Sul palco per l’occasione tutta la sua orchestra, tra cui spicca il Maestro Ivo, tenore lirico genovese e la moglie-soubrette Fabiana Incoronata Bisceglia.

Dopo i primi successi legati alla musica anni ’60 e al liscio, lasciatosi alle spalle la parentesi reggaeton, Ruggero de I Timidi torna alla discografia con un album, il secondo, che strizza l’occhio al cantautorato italiano degli anni ’70 e ’80.
Così Ruggero racconta la nascita del nuovo album: “ Dopo anni passati a far uscire la canzone d’amore italiana dai soliti cliché, mi sono reso conto che rischiavo di diventare io stesso un cliché, obbligato a parlare solo di certi argomenti, perché è quello che si aspettano i fans da me. Ma dopo un po’ le parti anatomiche finiscono e scrivere titoli di canzoni basandomi esclusivamente sulle categorie dei siti porno diventa meccanico e senza poesia. Così ho condensato questo pensiero in una canzone intitolata Rimming, contraddicendo subito me stesso. L’ovvia ispirazione a Rimmel di De Gregori mi ha dato lo spunto per un concept album ispirato ai più grandi cantautori italiani, molti dei quali tra l’altro non ci sono più per cui non possono denunciarmi. Ci siamo seduti a tavolino con i discografici che mi hanno detto: ‘Devi fare l’album della maturità’. Il fatto che io non abbia discografici e che fossi al tavolino a parlare da solo non deve trarre in inganno. Sono maturato.”

Comments

comments