La situazione globale, resa molto difficile a causa dell’emergenza Coronavirus, richiede un’attenzione maggiore da parte delle famiglie su quelle che sono le spese quotidiane e le spese extra. Così come diventa fondamentale riuscire ad ottenere un risparmio sulle bollette per luce e gas. Anche perché tutti sappiamo che le utenze domestiche possono gravare in maniera importante sul bilancio familiare e trovare un’offerta luce e gas davvero conveniente può essere una manna dal cielo per le nostre finanze.

Seguendo i consigli degli esperti, però, è possibile ottimizzare l’utilizzo delle varie componenti domestiche che partecipano alle voci delle bollette ed ottenere un risparmio piuttosto consistente.

Per quanto riguarda l’utilizzo del riscaldamento domestico, ad esempio, il consiglio è quello di impostare il termostato a 20 gradi. Una temperatura ottimale che è perfetta per l’ambiente domestico e che ci consente di ottenere un primo risparmio sulla bolletta. Inoltre avere una temperatura troppo alta in casa è dannoso per la nostra salute. Occorre inoltre considerare che per ogni singolo grado aumentato, i consumi aumentano di circa l’8% e questo rappresenta nel tempo un forte dispendio di energia e costi in bolletta.

Ovviamente in questo caso è molto importante evitare la dispersione di calore che può portare gli impianti di riscaldamento a uno sforzo maggiore per raggiungere la temperatura stabilita. Ricordarsi sempre di non lasciare le finestre aperte negli ambienti che si intende riscaldare.

Occhio poi agli spifferi che possono essere davvero molto importanti in termini di dispendio di energie. Questi, infatti, ci costringono ad alzare notevolmente la temperatura, sprecando molto di più. Il consiglio è di eliminare i vecchi infissi con infissi con telai ad alta prestazione e finestre con doppi vetri. Gli infissi di ultima generazione sono molto utili a trattenere il calore anche dopo aver spento gli impianti di riscaldamento.

Come risparmiare sul consumo di corrente

Per il risparmio della corrente elettrica sono tante le opportunità che possiamo sfruttare. Innanzitutto sono consigliati gli elettrodomestici a basso consumo. Al momento dell’acquisto, infatti, è importante optare per elettrodomestici di classe A+++. Sono più costosi ma prevedono consumi inferiori, piuttosto che ottenere un risparmio iniziale con conseguenze negative sull’importo mensile da pagare per i consumi energetici.

Stesso discorso per le lampadine LED e le lampadine fluorescenti garantiscono un consumo decisamente inferiore rispetto ai faretti alogeni. Vero che risultano essere più care, ma utilizzando le lampadine LED è possibile ottenere una diminuzione rilevante nella spesa per l’energia elettrica e qualificandosi come dispositivi all’avanguardia per quanto riguarda il risparmio energetico domestico.

Tornando agli elettrodomestici una buona abitudine è spegnere quelli inutilizzati. Televisori, stereo e computer lasciati in stand-by rappresentano parte dei consumi che contribuiscono a rimpinguare la somma finale da pagare in bolletta. Il consiglio, dunque, è quello di ricordarsi di spegnere questi elettrodomestici soprattutto se non vengono utilizzati per un periodo di tempo mediamente lungo: in particolare il modem, che viene spesso lasciato attivo, è uno degli oggetti elettronici a maggiore consumo quando lasciato inutilizzato.

Comments

comments