Il pilota di Montegrotto Terme, in gara per i colori di Patavium Racing, approfitta dell’assenza dei diretti rivali ed allunga in vetta alla Coppa Rally ACI Sport ed al Trofeo Clio R3 Open.

Montegrotto Terme (PD), 05 Agosto 2019 – Renzo Rampazzo abbraccia le vacanze con un grande sorriso, quello di chi ha tratto il maggiore vantaggio dalla ghiotta occasione che il Rally Città di Scorzè, andato in scena nel weekend, gli ha presentato su un vassoio d’argento.

Il pilota di Montegrotto Terme, al via con la consueta Renault Clio R3 targata Shade Motorsport, ha centrato una seconda piazza in classe R3C, alle spalle dell’imprendibile Ghegin, ed un quattordicesimo assoluto che si rivelano fondamentali nella rincorsa ai due obiettivi stagionali.

Presentatosi sulla pedana di partenza, assieme ad Haianes Tania Bertasini alle note, da leader della classifica provvisoria il portacolori della scuderia Patavium Racing ha saputo monetizzare al meglio le illustri assenze di Martinelli e Molinari, in corsa per la Coppa Rally ACI Sport, e di Paris, unico a poterlo impensierire per la conquista del Trofeo Clio R3 Open in quarta zona.

Un bottino pieno che pone Rampazzo in un’inividiabile posizione, in vista della ripresa delle ostilità sportive al termine della pausa estiva: scorrendo il calendario all’appello mancano soltanto il Rally del Friuli, in programma per fine Agosto, ed il Trofeo ACI Como, previsto per fine Ottobre, entrambe valevoli per le due serie comandate dall’alfiere della scuderia patavina.

Fine settimana decisamente positivo” – racconta Rampazzo – “e, per certi versi, andato oltre alle aspettative della vigilia. Avevamo una gran bella occasione, data l’assenza dei nostri avversari, e non ce la siamo fatta sfuggire. Abbiamo raccolto un gran bel bottino di punti e questo ci permette di guardare gli ultimi due impegni del 2019 con una buona dose di ottimismo, serenità e tranquillità. Un particolare ringraziamento lo voglio fare ai ragazzi di Patavium Racing e di Shade Motorsport, hanno lavorato benissimo. Grazie di cuore anche ad Haianes. Non avevamo mai corso assieme ma ho avuto modo di provare la sua professionalità e la sua precisione. Davvero molto brava. Mi ha fatto piacere condividere con lei lo Scorzè.

Pronti, via e sulla prima prova, la spettacolo “Base” di Sabato pomeriggio, Rampazzo si metteva in scia al più quotato rivale, secondo dietro a Ghegin, con un ritardo di 2″2.

Archiviata la prima tornata domenicale il pilota della trazione anteriore transalpina si attestava al secondo posto, in classe R3C, in ritardo importante da Ghegin ma con margine su Danese.

Una situazione di classifica pressochè già congelata consigliava a Rampazzo di gestire il gap sugli inseguitori e di evitare ogni possibile rischio, data la posta in palio, continuando a mantenere un passo costante, senza mai perdere d’occhio il vero obiettivo della trasferta.

A dire il vero siamo un po’ rammaricati” – sottolinea Rampazzo – “per aver preso un secondo a chilometro da Ghegin. Speravamo di fare un pochettino meglio. Quel che conta davvero è aver rafforzato la prima posizione. Eravamo fiduciosi, dopo la spettacolo, ma ad inizio Domenica non riuscivamo ad avere grip. Abbiamo cercato di mantenere la posizione, senza commettere errori, e ci siamo riusciti. Siamo contenti del nostro risultato. Saremo in Friuli per conquistare il pass per la Supercoppa WRC Italia e per chiudere la partita nel Trofeo Clio R3 Open di quarta zona.

Comments

comments