Fino a qualche anno fa le banche erano particolarmente restie a proporre mutui per l’intero prezzo di acquisto di una casa; oggi è tornata ad essere reale la possibilità di un preventivo mutuo 100%, anche per i giovani o per chi ha un lavoro a tempo determinato. Si deve comunque comprendere che si tratta di una proposta che porta la banca a correre rischi maggiori rispetto ai mutui tradizionali, all’80%. Questo porta a costi maggiori per il cliente.

Mutuo: 100% o 80%?

Cosa cambia tra un mutuo che copre il 100% delle spese di acquisto per un’abitazione o solo l’80%? In effetti ciò che varia è semplicemente il rischio che la banca corre, che aumenta in modo pesante. Da un lato con un mutuo al 100% l’esborso è maggiore, cosa che mette in pericolo la banca nel caso in cui il mutuatario non dovesse saldare le rate, in quanto risulterà più difficile riuscire a rivendere l’immobile ottenendo quanto sborsato con il finanziamento. Dall’altro il rischio maggiore si manifesta anche dal fatto di prestare del capitale a qualcuno che non ha dei risparmi da utilizzare, che si possono considerare per certi versi come parziale garanzia del mutuo stesso. Per questo motivo un preventivo mutuo al 100% presenta uno spread maggiorato, spesso anche di un punto percentuale, o anche di più. La banca, per coprirsi da eventuali perdite, comincia sin dalla prima rata a chiedere al cliente un pagamento maggiorato, cosa che nel corso degli anni può pesare in maniera decisamente considerevole.

Quando vale la pena richiedere un mutuo al 100%

Chiaramente chi richiede un mutuo al 100% lo fa perché non è in grado di avere a disposizione fondi sufficienti per il versamento delle spese iniziali per l’acquisto della prima casa oppure non ne ha abbastanza per coprire anche le spese accessorie, quali le tasse o le parcelle notarili. In queste situazioni la richiesta di un mutuo che copra l’intera cifra da saldare per l’acquisto della casa consente di effettuare la spesa senza troppe preoccupazioni. Conviene però sempre considerare il costo maggiorato da saldare per il mutuo. In alcuni casi vale la pena attendere e mettere da parte una cifra sufficiente a coprire l’acconto del 20% del valore dell’immobile, cosa che permette di diminuire in modo sensibile le rate mensili. Nel caso in cui non sia possibile fare questo, o ci si debba affrettare all’acquisto dell’immobile, può anche essere consigliabile richiedere tali fondi a un parente o ad un amico, ovviamente a tassi di interesse minimi.

Le banche e i mutui al 100%

Si deve comunque ricordare che non tutti gli istituti di credito sono pronti a offrire dei mutui al 100% ai loro clienti. Nella maggior parte dei casi preferiscono proporre gli ormai tradizionali mutui all’80%. In ogni caso conviene ricordare l’obbligo di effettuare una polizza fideiussoria per la copertura della cifra erogata in più rispetto ad un mutuo al 20%. Inoltre è più probabile che un mutuo di questo genere sia concesso a soggetti che hanno un lavoro certo e percepiscono un buon reddito.

Comments

comments