In attesa del finale di stagione del VdeV, Pietro Peccenini (nelle foto di Marco Pieri) non si ferma e nel fine settimana è tornato a lottare con i rookie “terribili” della Formula Renault 2.0 Nec (Northern European Cup) nella sua seconda apparizione extra-campionato. Sul mitico circuito del Nurburgring, scelto appositamente anche per arricchire l’esperienza e continuare l’affinamento tecnico al volante della monoposto di F.Renault della TS Corse, il driver milanese classe 1973 è stato protagonista sempre combattivo nelle bagarre della serie internazionale. Peccenini ha debutto sul tecnico tracciato tedesco nel giovedì dedicato ai test pre-gara e ha proseguito l’apprendistato nelle prove libere di venerdì, sempre con riscontri cronometrici in progressivo miglioramento e lottando con le mutevoli condizioni meteo. Nelle prove ufficiali l’alfiere del team lombardo ha poi ulteriormente limato i tempi più veloci, riuscendo a disputare le più convincenti qualifiche della stagione. Il veloce adattamento al Nurburgring non si è potuto completare in gara-1 sabato a causa di un inconveniente alla frizione che ha fermato la sua F.Renault da 2000cc nel giro di schieramento. Domenica, nella seconda corsa da 25 minuti in programma, Peccenini ha però saputo riscattarsi con una consistente prova in bagarre, che lo ha rimesso in clima-gara permettendogli di sfidare i giovani avversari, con i quali ha dato spettacolo nei ripetuti duelli ruota a ruota anche in live streaming tra sorpassi e controsorpassi.

Peccenini commenta così il fine settimana tedesco: “Ci siamo impegnati molto fin da giovedì e il team ha svolto un ottimo lavoro e siamo contenti perché la nostra monoposto era ben bilanciata. Peccato soltanto per gara-1, dove siamo stati davvero sfortunati con la frizione out dopo oltre 700 chilometri di prove tra test e libere. In gara-2 ho avuto un ottimo spunto allo start, poi abbiamo perso del tempo sull’umido rimasto all’esterno di una curva, ma vevo un bel ritmo e ho iniziato a recuperare bene con alcuni sorpassi, poi ho lottato con altri piloti in recupero. Magari si poteva anche migliorare ancora i tempi, però alla fine bene, soprattutto nelle qualifiche, pure considerando che eravamo al debutto su un tracciato molto impegnativo. Ora ci rituffiamo nel VdeV a Magny-Cours in ottobre, dove arriveremo per i test al martedì e mercoledì e poi il weekend di gara per giocarci la top-five di campionato”.

Comments

comments