1

(di Giulio Perrotta) Nella suggestiva cornice della Sala Convegni della Caserma della Polizia di Stato “Lungaro”, con un pubblico formato da appartenenti alle Forze dell’Ordine, avvocati, giornalisti e professionisti del settore, si è tenuta la presentazione siciliana dell’ANCRIM – Associazione Nazionale Criminologi e Criminalisti (con sede legale in Buccinasco – MI), in collaborazione con le associazioni “Quarto Savona Quindici” e “Libera”.

Da sinistra: Dott.ssa Federica Luzzo (Consigliere Comune di Palermo, la Prof.ssa Capasso de Angelis (Presidente Nazionale), Prof. Carnelo Dublo, Don Luigi Ciotti, Prof. Massimo Blanco (Segretario Generale), Avv. Stefano Giordano (Vice Presidente Nazionale), Tina Montinaro, Dott. Giuseppe Bellassai (Questore Vicario di Palermo).

Un appuntamento all’insegna della legalità e della cultura civica, che ha visto succedersi negli interventi la Prof.ssa Deborah Capasso de Angelis, in qualità di Presidente Nazionale, Tina Montinaro, Presidente dell’associazione “Quarto Savona Quindici”, l’Avv. Stefano Giordano, Vice Presidente Nazionale, il Dott. Giuseppe Bellassai, Questore Vicario di Palermo, Don Luigi Ciotti, Presidente dell’associazione “Libera”, la Dott.ssa Federica Luzzo, Consigliere Comunale di Palermo, il Dott. Carmelo Dublo, docente di grafologia forense all’Università Internazionale di Scienze della Sicurezza e della Difesa Sociale UNISED, e il Prof. Massimo Blanco, Segretario Generale Nazionale e Rettore di UNISED.

2Dopo una breve presentazione da parte del Segretario Generale Massimo Blanco, prende la parola il Presidente Nazionale, Deborah Capasso de Angelis, presentando l’Associazione e le finalità della stessa, ponendo l’accento sulla necessità di distinguere chiaramente tra le due professionalità oggetto d’esame: il criminologo e il criminalista. Figure che meritano dignità professionale e distinzione sociale, anche grazie alla particolare struttura giuridica che caratterizza l’ANCRIM: difatti, l’ente è costituito ai sensi della legge n. 4/2013 che riconosce le figure professionali non organizzate in ordini o collegi. Il Presidente prende così le distanze da tutti quei soggetti che si occupano di divulgare sui media contenuti in materia di criminologia e criminalistica, limitandosi spesso a spettacolarizzare l’evento drammatico o a trattare esclusivamente questioni di “criminal profiling”; quest’ultimo sicuramente interessante ma che, con la realtà criminale italiana, prevalentemente legata alle organizzazioni criminali mafiose che investono sovente la sfera economica e politica, ha poco a che vedere. Sottolinea l’aspetto evolutivo del crimine, ponendo l’attenzione sulla necessità di formare professionisti competenti e aggiornati, senza tuttavia scadere nel qualunquismo e nella “tuttologia”.

3La parola passa così a Tina Montinaro, vedova del capo della scorta di Giovanni Falcone e presidente dell’associazione “Quarto Savona Quindici” (nome in codice dell’unità che proteggeva il Giudice) la quale, con estrema chiarezza ed incisività, ribadisce la necessità di una sempre maggiore collaborazione tra i professionisti del settore, criminologi e criminalisti, le Forze dell’Ordine e la Magistratura, ricordando come la lotta alla mafia sia una delle priorità nel nostro Paese, per non ripetere gli errori del passato e non cadere in trappole culturali come la corruzione e l’assenza di cultura della legalità. Senza girarci troppo intorno, Tina Montinaro rafforza il legame umano e professionale con l’ANCRIM, offrendo pubblicamente la sua “spalla” e la sua mano protesa verso il futuro, affinché si possa tutti insieme andare avanti nell’obiettivo comune di vincere la dura battaglia che ha visto cadere uomini di giustizia e delle forze di polizia di grande spessore umano e culturale, tra cui il marito, 23 anni fa, componente della scorta del Giudice Giovanni Falcone, perito nella strage di Capaci.

9E sempre di cultura della legalità parla il Vice Presidente Nazionale ANCRIM Avv. Stefano Giordano, penalista del Foro di Palermo, auspicando una maggiore presa di coscienza e di posizione da parte delle Autorità Giudiziarie, spingendo la leva della giustizia non solo verso quel garantismo giuridico realizzato e immaginato per proteggere l’indagato e l’imputato, secondo le disposizioni del codice penale e di procedura penale, ma anche verso la ricerca della verità, attraverso l’analisi coerente e corretta delle prove, nel pieno rispetto della vittima e del suo ruolo passivo all’interno del quadro organico del processo, come riportato d’altronde nell’art. 5 CEDU in tema di diritti di libertà e di sicurezza. «La vittima prima di tutto e su tutto». Questo è un punto fondamentale e imprescindibile in uno stato di diritto civile e giusto, che pone l’attenzione ai bisogni del cittadino, tutelandolo sotto ogni profilo.

8Si apre così lo spiraglio per l’intervento pubblico del Questore Vicario Dott. Giuseppe Bellassai, intervenuto su delega del Questore di Palermo Dott. Guido Nicolò Longo chiamato improvvisamente a Roma per questioni di estrema urgenza. Con grande chiarezza, il Dott. Bellassai conferma quanto espresso da tutti gli altri relatori, ricordando come le forze di polizia siano ogni giorno in strada per la difesa del cittadino e per lottare contro la criminalità organizzata. Il Dott. Bellassai fonda inoltre il suo intervento sulla cultura della legalità e sul bisogno di una sempre maggiore e costante preparazione, anche in relazione ai rapporti professionali con i tecnici del settore, quindi i criminologi e i criminalisti, non di meno auspicando la continuazione dei rapporti con associazioni legate alla lotta contro le mafie, come “Libera” e “Quarto Savona Quindici”, e con enti che garantiscono la costante formazione in tema di legalità e sicurezza come l’Università Popolare UNISED. Gli fa da eco l’intervento del Presidente Nazionale ANCRIM Deborah Capasso de Angelis, la quale conferma il forte legame instaurato sotto i profili culturali, professionali e umani tra i relatori del Convegno che ha visto la presenza, in platea, del Dirigente dell’Ufficio Scorte della Questura di Palermo Dott. Ernesto Casiglia.

5Chiamato a esprimere la propria opinione, arriva il turno di Don Luigi Ciotti, sempre in prima linea per la lotta contro le mafie, attraverso “Libera”, l’associazione da lui presieduta. Commosso da quanto sentito, esprime tutta la sua passione attraverso un toccante intervento che ha come apice la centralità della responsabilità civica quale presupposto della legalità, intesa come prerequisito o mezzo per raggiungere il fine ultimo chiamato “giustizia”. Richiama le parole di Don Luigi Sturzo, evocando l’educazione alla legalità e la necessità di coinvolgere tutti gli strati sociali, nei loro nuclei associativi, quali le scuola e la famiglia, per garantire una vera e propria capillarità della cultura educativa alla legalità. «Poco importano i codici etici – afferma Don Ciotti – se non sono posti in essere con coerenza di spirito e abnegazione; non si deve preferire l’etica nella professione, quanto più l’ “etica di professione”». Un sentito e sincero applauso chiosa il suo intervento, tra la commozione di alcuni ospiti, evidentemente vittime della mafia e dello Stato, spesso assente o, nei casi migliori, disattento.

12Il Consigliere del Comune di Palermo, Dott.sa Federica Luzzo, prende così la parola, ringraziando tutti i relatori ed estendendo i saluti del Sindaco Avv. Leoluca Orlando alla platea, presentando il progetto, di cui la stessa Luzzo è responsabile. Questo progetto vede la creazione di un nucleo investigativo regionale per la ricerca delle persone scomparse. Non solo mafia, quindi, alla presentazione ANCRIM di questo 28 ottobre 2015.

Cultura della legalità a 360°, per garantire una sempre e maggiore certezza del diritto e della pena.

E’ il turno del Prof. Dublo, il quale presenta, in chiave grafologica, l’importanza del criminalista nelle indagini, raccontando alcuni eventi gestiti in prima persona legati al mondo della truffa e del raggiro, come testamenti olografi falsi o stipulati sotto violenza, la falsificazione delle carte di identità e delle firme autografe. Continua, l’esperto, citando uno studio effettuato con oltre 150 detenuti sempre in tema di grafologia forense, ponendo l’accento proprio sull’individuazione (attraverso la scrittura) del comportamento dell’autore, del carattere e del temperamento.

11Chiosa la significativa giornata il Segretario Generale Nazionale ANCRIM Prof. Massimo Blanco, parlando della cultura criminologica in Italia, dell’importanza fondamentale di formare giovani professionisti del settore e di garantire loro il giusto riconoscimento pubblico dei titoli di criminologo e criminalista, spendibili in Italia e all’estero, e della corretta informazione in tema di legalità.

A tal proposito, annuncia che ANCRIM istituirà una testata giornalistica proprio per affrontare in maniera tecnica e scientifica (e non scandalistica) i temi criminologici e tecnico-forensi.

La direzione della testata sarà assegnata al Dott. Giulio Perrotta, docente all’Università Popolare UNISED nonché giurista, criminologo e autore di numerose pubblicazioni in ambito criminologico e investigativo.

Un evento, insomma, che ha segnato l’inizio di una serie di relazioni umane e professionali, finalizzato alla creazione di sinergie stabili, costruttive e durature tra il mondo dei professionisti dei settori criminologico e tecnico-forense, le forze di polizia, la magistratura e le associazioni impegnate nella prevenzione dei fenomeni devianti e nella divulgazione della cultura della legalità.

Comments

comments