Nella lotta al Coronavirus c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Per questo MYYOUR, brand padovano specializzato nella produzione di arredi outdoor in Poleasy®, ha deciso di dedicare la sua produzione completamente alla realizzazione di dispositivi ospedalieri. Carrelli, comodini e lettini destinati agli ospedali dove ogni giorno si combatte in prima linea il virus, che sfruttano le caratteristiche dello speciale polietilene brevettato da Myyour nel 2012 per essere estremamente durevoli nel tempo e facili da pulire e igienizzareStudi recenti effettuati dai ricercatori del National Institutes of Health, stimano che sulla plastica la carica infettante risulti dimezzata dopo circa 7 ore e completamente azzerata in 72. È quindi necessario, in ambienti come gli ospedali igienizzare le superfici con appositi detergenti, operazione che risulta più facile e sicura in presenza di attrezzature realizzate in Poleasy®, dove le microporosità sono praticamente assenti.
“Myyour è una giovane fucina di idee che fonda le sue radici all’interno di Rolling Plast, azienda con una trentennale esperienza nella lavorazione di materie plastiche” – racconta il socio Cristian Ronco, che continua – “Questo approccio votato all’innovazione, unito al grande know-how dell’azienda madre, ci permette anche oggi, in una situazione di emergenza e di grande difficoltà per molte imprese che lavorano nel settore arredo, non solo di non fermarci ma soprattutto di fare qualcosa di buono per il nostro Paese.”

Myyour, oltre ad aver da subito adottato la modalità smart working per i dipendenti occupati negli uffici amministrativi e commerciali, ha impiegato tutte le risorse che fino a poche settimane fa si dedicavano alla realizzazione di arredi di design alla produzione per il settore medicale.

“Ringraziamo tutti i nostri collaboratori che, con le dovute misure di protezione e sicurezza, in questi giorni stanno lavorando nei reparti di stampaggio con ritmi davvero sostenuti, realizzando circa 300 pezzi al giorno da spedire ad ospedali sia italiani che esteri. La loro disponibilità e dedizione ci lascia senza parole ma non stupiti, sappiamo di essere una grande famiglia!” – dichiara il socio Davide Ronco – che chiude: “Il nostro è un gesto che sentiamo dovuto e che ci permette di stare uniti non solo con il popolo italiano, ma con tutto il popolo europeo.”

Comments

comments