Valutare le migliori misure organizzative per garantire e conciliare i diritti dei residenti, del popolo della movida – ritenuto una grande risorsa della città – e quello degli operatori economici. Questo l’obiettivo della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocata oggi dal prefetto di Pisa Francesco Tagliente, nel corso della quale sono stati passati al vaglio gli interventi necessari a garantire vivibilità e sicurezza nelle aree critiche della città.

Tra le misure già adottate dall’amministrazione comunale, l’installazione di nuovi bagni chimici nel centro storico per contribuire a disincentivare le cattive abitudini che compromettono l’igiene urbana e ridurre il disagio dei residenti. Disposto, inoltre, il monitoraggio dei sistemi di illuminazione delle aree interessate.

Rassicurazioni sulla perfetta funzionalità della ricezione delle immagini della videosorveglianza dalle sale operative di Polizia e Carabinieri sono giunte dai vertici locali delle Forze dell’ordine e dei Vigili urbani presenti all’incontro.

Sollecitati dal prefetto, il direttore generale della ASL ed il responsabile del servizio 118 hanno, inoltre, garantito che fino al mese di settembre, nelle giornate di venerdì e sabato dalle ore 22.00 alle ore 04.00, un’ambulanza con i volontari della Croce rossa italiana stazionerà nei pressi di piazza delle Vettovaglie per garantire assistenza ai giovani che dovessero trovarsi in difficoltà per alterazione conseguente all’eccesso di assunzione di bevande alcoliche. Un servizio che mira a coniugare l’esigenza della salute dei singoli con la sicurezza della collettività grazie a interventi preventivi finalizzati anche ad evitare tensioni e possibili degenerazioni con risse.

Contro lo spaccio di stupefacenti, il personale della questura, dei Carabinieri e dei Vigili urbani darà ulteriore impulso alle attività di controllo e vigilanza, fornendo supporto ai volontari della Croce rossa italiana.

Decisa anche una nuova rimodulazione nell’attività di prevenzione e controllo delle aree di maggiore criticità, che affida alla questura la gestione esclusiva di piazza della Stazione, all’Arma dei Carabinieri il controllo di piazza delle Vettovaglie e alla Polizia municipale piazza dei Cavalieri, nei limiti del servizio.
Unanime l’appello rivolto da tutte le istituzioni competenti per l’osservanza delle regole di convivenza e perché siano superate situazioni inaccettabili e ingiustificabili quale quella che affligge piazza dei Cavalieri.

Tra gli argomenti presi in esame, infine, la tutela dei turisti, per i quali è stata condivisa l’esigenza di garantire maggiore sicurezza contro possibili reati predatori, quali scippi e borseggi. Saranno, infatti, diversificate le strategie di prevenzione e contrasto, concentrando l’attenzione sull’individuazione e identificazione dei ‘pendolari’ autori dei reati predatori.

Presenti all’incontro, il procuratore della Repubblica Ugo Adinolfi, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, il questore Gianfranco Bernabei, i comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri, Guardia di finanza Gioacchino Di Meglio e Marcello Montella, il comandante dei Vigili urbani Massimo Bortoluzzi, l’assessore provinciale Nicola Landucci, il vice questore Luigi Veglianti dirigente della Polfer, il direttore generale della ASL Rocco Damone ed il presidente della Croce rossa italiana Antonio Cerrai.

Comments

comments