calamandreiRoma – Si svolgerà il 15 dicembre presso la Sala della Lupa della Camera dei Deputati il III Congresso Nazionale su “La Giustizia Alternativa”, promosso dall’Osservatorio ADR e patrocinato da numerose istituzioni.

L’evento vedrà la partecipazione di autorevoli esponenti del mondo politico, professionale e imprenditoriale e sarà suddiviso in panel tematici.  Di particolare interesse i tavoli dedicati a “giustizia e imprese”, “giustizia e sud” e quello specifico sui “sistemi alternativi di risoluzione delle controversie”.  Si tratta di un’occasione fondamentale per fare il punto sul sistema giustizia oggi in Italia e sulle politiche di sviluppo e diffusione della cultura della mediazione nel campo della giustizia, dell’economia e sociale.

Quest’anno il Congresso avrà come leitmotive la seguente citazione di Piero Calamandrei: “Quanto lavoro avete da compiere! Quanto lavoro vi sta dinnanzi!”. Era, infatti, il 26 gennaio 1955, quando Piero Calamandrei nell’illustrare, in modo accessibile, a tutti i principi morali e giuridici che stanno a fondamento della nostra vita associativa, affermava che la nostra Costituzione invita tutti gli italiani alla trasformazione della nostra Società, affinchè le libertà giuridiche e politiche non divengano inutili di fronte alle disuguaglianze economiche e all’impossibilità, per molti cittadini, di contribuire al progresso della Società.  Il III Congresso Nazionale su “La Giustizia Alternativa” avrà, pertanto, come finalità quella di illustrare ai cittadini tutto ciò che le nostre Istituzioni ed i privati, non da soli, ma in sinergia, stiano facendo per “rendere l’Italia” un posto migliore, mettendo in pratica il monito della nostra Costituzione, che è, soltanto, per una parte, realtà, mentre per l’altra è un programma, un ideale, una speranza, un impegno, un lavoro da compiere. Un processo di “trasformazione” che, vedrà il 15 dicembre, come protagonista la “Giustizia” che invita i cittadini ad una assunzione di responsabilità, ovvero a ragionare sempre in termini di fitness relativa, attraverso il dialogo, il confronto costruttivo, il contemperamento di interessi.

Tra i numerosi ospiti si segnalano il sottosegretario alla giustizia Gennaro Migliore, l’on. Sergio Boccadutri, il presidente dell’anticorruzione Raffaele Cantone, Antonio Catricalà, Presidente OAM – Organismo degli Agenti e dei Mediatori, Raffaele Squitieri, Presidente emerito della Corte dei Conti, Sergio Santoro, Presidente della VI Sezione del Consiglio di Stato, Antonio Felice Uricchio, Rettore dell’Università degli Studi di Bari, Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, Stefano Bonaccini, Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Mario Baccini, già Ministro della Repubblica Italiana, Presidente Ente Nazionale Microcredito, Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia, Giovanni Stefanì, Presidente Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bari, Domenico De Bartolomeo, Presidente Confidustria Bari, Barletta, Trani, Gennaro Ranieri, Presidente di InnovaPuglia S.p.A., Piero Sandulli, Professore ordinario di diritto processuale civile, avvocato e Presidente dell’Osservatorio sull’uso dei sistemi ADRAlessandro Cardosi, avvocato e membro della Commissione Alpa per l’armonizzazione e la razionalizzazione dei sistemi ADR, Michele Giuseppe di Pace, Avvocato generale emerito dello Stato, Stefano Varone, Capo Ufficio Legislativo del Ministero dello Sviluppo economico, Maria Rosaria Covelli, Presidente del Tribunale di Viterbo, Roberto Rossi, Procuratore aggiunto a Bari, Enrico Sirotti Gaudenzi, avvocato esperto in materia di mediazione bancaria e credito.

L’evento sarà coordinato e moderato dalla presidente dell’Osservatorio ADR Francesca Tempesta e dal vice presidente Giammario Battaglia. Il panel sulla giustizia alternativa sarà coordinato da Ivan Giordano, presidente di ICAF e tesoriere dell’Osservatorio ADR.

Per maggiori informazioni e programma completo: http://congressonazionaleadr.it/

Comments

comments