LorenzoLorenzo Veglia ha concretizzato quello che era il suo sogno “mondiale”, elevandosi come Campione del Mondo di classe “Pro-Am” nella World Final Lamborghini, andata in scena nel weekend sul circuito “Ricardo Tormo” di Valencia.

Il ventenne pilota di Leini (Torino), al volante della Lamborghini Huracàn del team Antonelli Motorsport ed alternatosi al volante con il compagno di squadra Andrea Fontana, ha conquistato il titolo iridato grazie ad una seconda posizione conquistata in Gara 1 e ad una strepitosa vittoria messa a segno nella sessione conclusiva.

Un confronto che ha interessato i massimi esponenti del monomarca, visto che proprio il tracciato iberico è stato teatro dell’ultimo appuntamento in programma nelle competizioni Europe, Asia e Nord America.

Un’evoluzione che si è concretizzata fin dalle “qualifiche”, dove le sensazioni espresse a margine delle prove di qualificazione – entrambe archiviate con il terzo miglior tempo di classe – si sono tramutate in una seconda posizione di classe “Pro-Am”. Un risultato decisamente positivo ma che, in Gara 2, è stato impreziosito dalla vittoria, con Lorenzo Veglia ed il compagno di squadra Andrea Fontana consacrati campioni “Pro-Am” sotto la bandiera a scacchi.

Un fine settimana iniziato con il raggiungimento del podio nel confronto “europeo” del monomarca, dove la Lamborghini del pilota lei nicese e del compagno di squadra – nel contesto andato in scena giovedì e venerdì – si è vista costretta al ritiro dopo aver centrato la terza posizione di Pro-Am in Gara 1. Un risultato che ha confermato il pilota piemontese nella top ten in classifica del monomarca continentale.

Per Lorenzo Veglia si tratta della prima consacrazione a livello mondiale, dopo i trascorsi nel panorama del motorsport internazionale che hanno interessato i primi anni di attività.

Lorenzo Veglia: “Una grande soddisfazione centrare questa vittoria. Credo sia doveroso ringraziare Marco Antonelli e tutto il team, con il quale spero di proseguire il rapporto anche in ottica 2017. Adesso festeggiamo a dovere questo titolo mondiale, sperando di poter ripetere questi ottimi risultati anche nella prossima stagione, nella classe Pro”.

Comments

comments